Fenici e Cartaginesi

Una civiltà mediterranea
Autore/i: Garbati Giuseppe; Oggiano Ida; Botto Massimo; Bondì Sandro Filippo
Editore: Ist. Poligrafico dello Stato
pp. 514, nn. ill. a colori e b/n, Roma Prezzo: € 70,00

Il volume nasce come in manuale di “primo livello” per chi, studente o appassionato, voglia avvicinarsi alla scoperta del meraviglioso mondo della civiltà fenicia e cartaginese, che tanta importanza ha avuto nella nascita delle civiltà mediterranee. È un’opera di compendio che, tuttavia, ha il vantaggio di un notevole approfondimento della materia e di un puntuale aggiornamento degli ultimi dati di scavo, come per l’area iberica e quella libanese. Una particolare attenzione è stata posta alla bibliografia, necessaria per chi utilizzerà questo volume come strumento di lavoro e di ricerca.

Visualizza indice

PRESENTAZIONE

INTRODUZIONE

Il problema delle origini

Box. I nomi dei Fenici

I. LE AREE DELLA DOCUMENTAZIONE

A. L’ORIENTE

1. La costa levantina
2. Cipro

B. L’IRRADIAZIONE MEDITERRANEA

1. Prima delle colonie
2. La colonizzazione: modi, tempi, obiettivi

C. L’OCCIDENTE

1. Cartagine e il Nord Africa
Box. Il mito di fondazione di Cartagine
2. Malta
3. La Sicilia
4. La Sardegna
5. La Penisola Iberica
Box. Le vie dei metalli

II. L’ARTIGIANATO E LA CULTURA MATERIALE

1. La scultura e il rilievo
2. Le terrecotte figurate
3. La ceramica
4. I gioielli e i monili
5. Gli scarabei e gli amuleti
6. L’artigianato in metallo
7. Gli avori
8. I vetri

III. APPROFONDIMENTI E PROBLEMI

1. La lingua e la scrittura
2. La società e le istituzioni
3. La religione: le divinità e i culti
Box. Il tofet
4. I Fenici e l’aldilà
Box. Le uova di struzzo
5. I commerci (S .F.B.)
Bibliografia
Indice delle figure
Indice delle fonti delle figure

Censimenti e Catasti di Epoca Neo-Assira

Centro per le antichità e la storia dell’arte del Vicino Oriente
Autore/i: Fales Frederick Mario
Editore: Ipocan
pp. 152, tavv. in b/n, Roma Prezzo: € 23,00

Indice

Premessa

Sommario

Abbreviazioni e sigle

INTRODUZIONE

A. Le due raccolte

B. Schema formale per il «Doomsday Book»

C. Il proprietario terriero

D. La localizzazione geografica

E. I redattori del «Liber censualis»

F. «Liber» o archivio?

G. Gli scopi del «Liber»

H. «Schedules»: catasti, decreti e liste

I. Conclusioni

PARTE PRIMA: I TESTI

PARTE SECONDA: STUDI SUI CENSIMENTI E CATASTI

Cap. I: Il quadro geografico e storico

A. I centri maggiori nel «Liber censualis»

B. Sin e Harran in epoca sargonide

C. Ambienti onomastici e culturali della Mesopotamia nord-occidentale

Cap. II: Gli uomini e la terra

A. La famiglia

B. La condizione socioeconomica

C. Beni immobili e mobili

D. Il villaggio e il possesso fondiario

FIGURE

INDICI

Malatya – I

Orientis Antiqui Collectio – III – Rapporto preliminare delle campagne 1961 e 1962
Autore/i: Puglisi S. M.; Meriggi P.
Editore: Ipocan
pp. 54, LXXV tavv. b/n f. t., Roma Prezzo: € 15,00

Indice

PIERO MERIGGI – Prefazione

SALVATORE M. PUGLISI – Aspetti dell’archeologia pre-hittita. Statigrafia di Arslantepe dal periodo hittita-imperiale all’età islamica

I. Premesse metodologiche

II. Morfologia e formazioni stratigrafiche di Arslantepe. Ricerca degli orizzonti più arcaici

III. Lo Huyuk di Fethiye

IV. Problemi relativi alla cinta muraria e all’accesso settentrionale alla cittadella di Malatya. Il livello hittita-imperiale (IV)

V. La cittadella neo-hittita (III)

VI. Il livello di trapasso all’orizzonte romano-bizantino (II)

VII. L’abitato romano-bizantino (I)

VIII. Tracce di un insediamento islamico (s)

ALBERTO DAVICO – Osservazioni tecniche sul complesso monumentale di Arslantepe

PIERO MERIGGI – Ritrovamenti epigrafici nella campagna di scavi 1962 a Malatya

Indice delle figure Indice delle tavole

Excavations at Shavei Zion

The early christian church
Autore/i: Prausnitz M. W.
Editore: Ipocan
The mosaic pavements by M. Avi-Yonah and a contribution by D. Barag pp. 72, 16 figg. b/n f. t., XLI tavv. a colori f. t., Roma Prezzo: € 42,00

Report of the excavations carried out by the Israel Department of Antiquities and Museums (in cooperation with the Hebrew University of Jerusalem).

Contents

List of Figures

List of Plates

List of Abbreviations

lntroduction, by M. W. Prausnitz

The Site and Its History

I – The Excavations, by M. W. Prausnitz

Post-Church Remains

The Church Complex

The North-Eastern Chapel

The Narthex (Esonarthex) and the Outer Narthex (Exonarthex)

The L-shaped Side Court and the Surrounding Buildings

The Atrium

The Fountain Spring

The Bath-House

The Western Forecourt and the Staircase to the Outer Narthex

II – The Pottery, by M. W. Prausnitz

The Early Pottery

“Late Roman” Ware

Byzantine Rustic Ware

The Lamps

III – The Mosaic Pavements, by M. Avi-Yonah

The Nave

The Northern Aisle

The Southern Aisle

The Lower Pavement in the North-Eastern Chapel

The Dating and Symbols of the Earlier Pavement

The Mosaics of the Esonarthex

The Exonarthex

The North-Eastern Chapel

Summary

Fragments of Inscriptions

IV – The Glass, by D. Barag

Flasks

Plates

“Wine glass”

Jugs

Lamps

Window Panes

Conclusion

Conclusions, by M. W. Prausnitz

Lo Scambio dei Doni nel Vicino Oriente durante i Secoli XV – XIII

Orientis Antiqui Collectio – XI
Autore/i: Zaccagnini Carlo
Editore: Ipocan
pp. XII-224, Roma Prezzo: € 25,00

Indice

ELENCO DELLE ABBREVIAZIONI

INTRODUZIONE

1. Oggetto e limiti della trattazione

2. Le fonti

3. Stato degli studi ed impostazione metodologica

CAP. I: LE OCCASIONI

1. Introduzione

2. Conclusione di un matrimonio

a. Introduzione

b. Gli apporti di beni nelle codificazioni del II millennio

c. Matrimoni internazionali: la norma della reciprocità

d. Deviazioni dalla norma della reciprocità: conseguenze sul piano degli apporti patrimoniali

Accentuarsi degli elementi commerciali
La funzione della dote
Il matrimonio come occasione di scambio di doni

3. Ascesa al trono

4. Conclusione di un trattato di alleanza

5. Vittoria sul nemico

6. Celebrazione di festività

7. Arrivo di messaggeri

CAP. II: LA PRASSI

1. L’inizio

2. Le richieste

3. Contrasti, rifiuti e dilazioni

4. La valutazione dei doni

5. I ritmi

CAP. III: I MODELLI DI COMPORTAMENTO

1. Introduzione

2. La reciprocità

3. La fratellanza

4. Reciprocità e mercato

5. Reciprocità e redistribuzione

6. La generosità

7. La tradizione

CAP. IV: L’ARTICOLAZIONE SOCIALE

1. La posizione dei soggetti

a. Influenza del rango

b. Influenza dell’età

c. Influenza della posizione politica

d. Influenza del sesso

2. Differenziazione in livelli

3. Pertinenza dei beni

4. Personalità del dono

APPENDICE: NOTE SULLA TERMINOLOGIA ACCADICA

INDICE DEI TESTI

Oriens Antiquus Volume V Fascicolo 1 1996

Rivista del Centro per le Antichità e la Storia dell’Arte del Vicino Oriente
Autore/i: AA. VV.
Editore: Ipocan
pp. 148, L tavv. in b/n f. t., Roma Prezzo: € 10,00

Indice

W. HELCK – Zum Auftreten fremder Gotter in Agypten

S. MOSCATI – Alcune colonnette di Tas Silg

S. SEGERT – Some Phoenician Etymologies of North African Toponyms

A. M. BISI – Un bacino d’offerta del Museo di Nicosia

G. GARBINI – La datazione della statua sudarabica di Ma’adkarib

Scavi e esplorazioni

P. MERIGGI – Quinto viaggio anatolico

Notiziario 1965 (a cura di G. GARBINI)

I. Attività del Centro

II. Attività Italiane

S. DONADONI – Missione archeologica italiana in Egitto

P. MATTHIAE – Campagna di scavi dell’Università di Roma a Tell Mardikh (Siria)

A. CIASCA – Campagna di scavi dell’Università di Roma a Malta

A. CIASCA – Campagna di scavi dell’Università di Roma a Mozia (Sicilia)

A. VERGER – Ricognizione archeologica dell’Università di Roma a Pantelleria

A. M. BISI – Scavi a Lilibeo (Marsala)

M. G. AMADASI – Campagna di scavi dell’Università di Roma a Monte Sirai (Sardegna)

III. Pubblicazioni

Recensioni

A. L. OPPENHEIM, Ancient Mesopotamia. Portrait of a Dead Civilization (M. Liverani)

E. VON SCHULER, Die Kaskaer. Ein Beitrag zur Ethnographie des alten Kleinasiens (M. Liverani)

S. LLOYD, Mounds of the Near East (P. Matthiae)

M. J. MELLINK (ed.), Dark Ages and the Nomads c. 1000 B. C. Studies in Iranian and Anatolian Archaeology (M. G. Amadasi)

A. VANEL, L’iconographie du dieu de l’orage dans le Proche-Orient ancien jusqu’au VI siècle avant J.-C. (G. Garbini)

A. G. LUNDIN, Sammlung Eduard Glaser V. Die Eponymenliste von Saba (aus dem Stamme Halil) (G. Garbini)

M. PELLICER CATALAN, Excavaciones en la necropolis punica «Laurita» del Cerro de San Cristobal (Almuñécar, Granada) (S. M. Cecchini)

Storia dell’Oriente Antico

Egitto – Assiria – Babilonia – Media – Persia – Asia Minore – Fenicia
Autore/i: Smith Philip
Editore: Messaggerie Pontremolesi
premessa di Sergio Musitelli, introduzione dell’autore, traduzione di G. Carraro. pp. XII-700, Milano Prezzo: € 32,00

L’Oriente è sempre stato visto ed è ancora oggi visto sotto il profilo del “favoloso”. L’impresa della decifrazione delle “scritture dimenticate” è ancor oggi vista come una delle più straordinarie avventure della ricerca storica. Le scoperte delle tombe dei Faraoni hanno talmente esaltato l’immaginazione da creare la terrorizzante favola della “maledizione dei Faraoni”!
I geroglifici egiziani, le scene del “giudizio dei morti”, le scritture in caratteri cuneiformi esercitano ancora un fascino che pare intramontabile nella fantasia e nella mente di chiunque: il fascino che sempre esercita il “mistero”. Ebbene, in questa Storia del’Oriente antico di Philips Smith si rivive l’emozione della scoperta; l’ardimentosa avventura che riuscì a “far parlare” le pietre, i papiri e le tavolette d’argilla; l’operazione, che ha quasi del magico, di far riemergere dai millenni le civiltà sepolte.
È come entrare nell’antro di un mago che non solo ci faccia assistere all’incantesimo di far rinascere intere “civiltà morte”, ma che, da mago buono, ci spieghi anche come si sia riusciti a possedere gli strumenti necessari a compiere il sortilegio. E si comprende, allora, quale meraviglioso strumento, quale mirabile “bacchetta magica” sia l’ingegno dell’uomo, che riesce a farci accorgere d’essere i figli di un passato che s’era perduto nella notte dei tempi.

L’Archeologia Italiana nel Vicino Oriente

Orientis Antiqui Collectio – IV
Autore/i: Moscati Sabatino
Editore: Ipocan
pp. 20, XL tavv. in b/n f. t., Roma Prezzo: € 10,00

Uno sviluppo significativo e profondo s’è verificato nell’orientalismo italiano del nostro tempo. Fino a pochi anni or sono, esso presentava caratteri eminentemente filologici; e se aveva affrontato con successo anche i campi della storia politica e religiosa, della filosofia del diritto, bisogna ammettere che ben poco, e sporadicamente, aveva compiuto nel campo dell’archeologia. Non che fossero mancate del tutto le missioni in Oriente: ma esse erano state scarse, discontinue, e soprattutto orientate verso la fase classica delle civiltà orientali. Solo per l’Egitto si può parlare di una lunga tradizione archeologica del nostro paese, avviata dal Rosellini all’inizio del secolo scorso e proseguita attraverso il tempo da una serie di viaggiatori e di esploratori.

Evidentemente, non la volontà o l’ingegno mancavano ai nostri scienziati, bensì le strutture organizzative ed i mezzi economici. Se gli studi filologici possono farsi quasi soltanto con i libri, l’archeologia richiede mezzi ingenti ed attrezzature molteplici. Si noti, inoltre, che la carenza di una tradizione archeologica ha nuociuto anche agli studi di storia dell’arte, la cui connessione con l’archeologia è assai stretta: pur non mancando qualche insigne isolato, tali studi rimasero in posizione appartata e secondaria. In fondo, si ripeteva così per l’orientalismo una caratteristica che sembra propria in senso lato di molti aspetti della cultura italiana: quanto più essa emerge e si afferma negli aspetti generali delle discipline umanistiche ed in quelli specialmente relativi al nostro paese, tanto più essa sembra estraniarsi dall’immenso mondo delle civiltà che rispetto alla nostra possono dirsi esotiche, ma senza le quali la nostra stessa finisce col perdere l’inquadramento e l’ambientazione necessaria. La situazione che ho fin qui descritto si è andata rapidamente e positivamente evolvendo negli ultimi anni…

Il Matrimonio Interdinastico nel Vicino Oriente durante i Secoli XV – XIII

Orientis Antiqui Collectio – XIV
Autore/i: Pintore Franco
Editore: Ipocan
pp. X-208, figg. b/n, Roma Prezzo: € 25,00

Indice

ELENCO DELLE ABBREVIAZIONI

I: INTRODUZIONE

1. Natura della ricerca

2. Delimitazione del campo di ricerca. La documentazione

3. Il campione documentario: classificazione e valutazione

II: I MATRIMONI ASIATICI DEI FARAONI DEL NUOVO REGNO

1. L’ipergamia faraonica

2. I matrimoni con donne di case vassalle

3. I matrimoni mitannici

4 I matrimoni cassiti

5. Il matrimonio anatolico di Amenophi III

6. I matrimoni hittiti di Ramesse II

7. Il caso Dahamunzu – Zannanza

III: LA FORMA DEL MATRIMONIO EGIZIO-ASIATICO

1. Premessa

2. Dalla richiesta all’assenso

3. Antagonismo cerimoniale

4. La retorica delle nozze

5. Dall’assenso alle nozze

IV: I MATRIMONI INTERDINASTICI IN ASIA

1. Matrimoni nell’ambito della Mesopotamia

2. Matrimoni tra le dinastie di Babilonia e di Hattusa

3. Matrimoni di principesse hittite con vassalli e satelliti dell’Impero

4. Le nozze di Ehli-nikkalu

5. Spose reali egiziane in Asia?

6. I matrimoni amurriti dei re di Ugarit

7. Matrimoni nell’ambito della Siria egiziana

V: CARATTERI E PROBLEMI DI UNA DOCUMENTAZIONE

1. La documentazione “asiatica”

2. I dati “asiatici” sui procedimenti

3. Schema antagonistico e documentazione “asiatica”

4. La polarizzazione delle parti

5. Un secondo schema e i suoi problemi

6. L’unità tipologica del matrimonio interdinastico

VI: LE CONVENZIONI MATRIMONIALI INTERDINASTICHE

1. Patto e trattative

2. La questione dello “status” nelle trattative

3. La questione degli esborsi nelle trattative

4. Le contribuzioni patrimoniali

5. La dimensione patrimoniale del matrimonio

6. La sposa reale straniera

VII: CONSIDERAZIONI CONCLUSIVE

1. La circolazione di donne a livello interdinastico

2. Il retroterra dottrinale del sistema

NOTE

APPENDICE: I TRENTA MATRIMONI INTERDINASTICI DEL TARDO BRONZO

INDICE DEI TESTI

Il Trattato fra Mursili II di Hattusa e Niqmepa di Ugarit

Orientis Antiqui Collectio – XVIII
Autore/i: Del Monte G. F.
Editore: Ipocan
pp. 204, Roma Prezzo: € 15,00

Indice

ELENCO DELLE ABBREVIAZIONI

INTRODUZIONE

a) I trattati siro-hittiti

b) Il trattato con Niqmepa

c) La datazione del trattato

d) La struttura del trattato

e) Sistema di traslitterazione

PARTE I: Testo e traduzione

PARTE II: Commentario

Appendice 1: I frammenti del trattato con Niqmepa

Appendice 2: Gli altri trattati siro-hittiti (CTH 49, 53, 62, 92). Testo e traduzione

Glossario

La Cittadella Aramaica di Hama. Attività, Funzioni e Comportamento

Orientis Antiqui Collectio – XV
Autore/i: De Maigret Alessandro
Editore: Ipocan
pp. XII-92, 22 figg. b/n, Roma Prezzo: € 18,00

Questo saggio è un tentativo di applicazione pratica di concetti e di principi, che la ricerca epistemologica nel campo delle scienze sociali ha recentemente messo a disposizione delle discipline archeologiche. Lo studio vuole essere innanzi tutto il riscontro pratico, e quindi la verifica, di tutta una serie di assunti che, anche se diffusi ed abbastanza affermati, spesso si spingono oltre i limiti concessi dalla dimostrabilità. Esso intende anche costituire, nella eventualità che il tentativo abbia successo, un incoraggiamento concreto alla nascita di iniziative che, seguendo con meno timore e più dappresso gli sviluppi critico-metodologici della disciplina specifica, contribuiscano ad allargare gli obbiettivi di ricerca dell’archeologia vicino-orientale.
Ad un’introduzione, dedicata a meglio definire il carattere di tale aggancio tra direttive teoriche di ricerca e argomento archeologico specialistico, segue il procedimento d’indagine vero e proprio, nel quale i principi sono applicati praticamente alla documentazione materiale disponibile. Le conclusioni, scaturite dalla conseguenza logica in cui avviene il confronto tra ipotesi nate da osservazioni su gruppi indipendenti di dati (architettura, ceramica, oggetti), riguardano gli aspetti sociali, politici ed economici dell’insediamento di Hama. Si tratta di notizie che, pur se nel complesso scarne, si qualificano senz’altro da sole: sono esse sin’ora le uniche informazioni dirette disponibili sull’organizzazione strutturale di uno stato aramaico.

Indice

PREFAZIONE

BIBLIOGRAFIA E ABBREVIAZIONI

I. INTRODUZIONE

1.1 “Cultura materiale” e nuove potenzialità dei dati
1.2. “Questione epistemologica” e nuove prospettive d’elaborazione
1.3. Un esempio di approccio

II. ARCHITETTURA DELLA CITTADELLA E IPOTESI

2.1. Analogie e varianti nelle unità architettoniche 2.1.1. Primo attributo discriminante: la ventilazione 2.1.2. Secondo attributo discriminante: l’illuminazione 2.1.3. Terzo attributo discriminante: la superficie 2.1.4. Quarto attributo discriminante: i blocchi architettonici

2.2. Proposizioni sulle attività nelle unità architettoniche

2.3. Aspettazioni dai dati dei manufatti

III. MANUFATTI E VERIFICA DELLE IPOTESI

3.1. La ceramica
3.1.1. Fattore di analisi 1
3.1.2. Fattore di analisi 2
3.1.3. Fattore di analisi 3

3.1.4. Fattore di analisi 4

3.2. Gli oggetti

3.2.1. Tavolette iscritte (T)
3.2.2. Pesi (P)
3.2.3. Sigilli (S)
3.2.4. Oggetti bellici (B)
3.2.5. Utensili (U)
3.2.6. Oggetti di culto (C)
3.2.7. Oggetti d’ornamento (O), d’igiene (I) e da giuoco (G)
3.2.8. Arredi (A)

IV. ESITO ED EFFETTI DELL’ELABORAZIONE

4.1. Valore delle ipotesi
4.2. Aspetti organizzativi del sistema culturale di Hama
4.2.1. Comportamento nella programmazione
4.2.2. Ordinamento socio-politico
4.2.3. Organizzazione economica

ENGLISH SUMMARY

Città Carovaniere

Autore/i: Rostovtzeff Michael
Editore: PGreco
pp. XX-290, ill. b/n, Milano Prezzo: € 16,00

“Città carovaniere”, a distanza di anni dalla sua prima edizione, si conferma un impareggiabile e affascinante affresco sulla funzione economica, culturale e storica di quelle città che un tempo costituirono i punti di riferimento di una fitta rete di commerci e relazioni umane: Samarcanda, Palmira, Petra, per citare le più famose. La seta, il cotone, il sale, l’incenso… Le grandi vie commerciali del passato attraversavano il Continente africano per approdare nelle città costiere del Mediterraneo dall’Algeria alla Libia, oppure facevano rotta verso il Mar Caspio per raggiungere il Centro Asia. La Via della Seta attraversava l’odierno Azerbaijan, la catena del Caucaso, le oasi di Bukhara e Samarcanda fino a Kashgar, nell’odierna Cina. Il saggio di Michael Rostovtzeff, ricco di storie e di intrecci esotici, rappresenta anche una pietra miliare della ricerca storiografica: in un tempo in cui gli studiosi dell’antichità concentravano ancora la propria attenzione esclusivamente sugli eventi politici e militari, “Città carovaniere” dimostrò quale profondità di analisi potesse permettere una ricostruzione storica basata innanzitutto sugli scambi commerciali e sociali.

Visualizza indice

PREFAZIONI

PREFAZIONE di G. Pugliese Carratelli

PREFAZIONE di M. Rostovtzeff

PREFAZIONE all’edizione italiana

AVVERTENZA

I. Commercio carovaniero. Esame storico

II. Petra

III. Gerash

IV. Palmira e Dura

V. Le rovine di Palmira

VI. Le rovine di Dura

APPENDICE – Viaggio in Egitto e sulle coste del Mar Nero L’Egitto. La storia di Zenone e di Apollonia

La vita degli antichi sulle coste del Mar Nero

NOTA BIBLIOGRAFICA

La Siria nel Tardo Bronzo

Orientis Antiqui Collectio – IX
Autore/i: AA. VV.
Editore: Ipocan
studi raccolti da M. Liverani pp. 128, Roma Prezzo: € 15,00

Indice

Presentazione

M. LlVERANI, Introduzione

H. KLENGEL, Probleme einer politischen Geschichte des spätbronzezeitlichen Syrien

M. HELTZER, Problems of the Social History of Syria in the Late Bronze Age

P. MATTHIAE, La problematica dell’indagine storico-artistica

A. CAQUOT, Problèmes d’histoire religieuse

K. A. KITCHEN, Interrelations of Egypt and Syria

E. VON SCHULER, Beziehungen zwischen Syrien und Anatolien in der späten Bronzezeit

Elenco delle abbreviazioni

Indice analitico

Culto Ufficiale ad Ebla durante il Regno di Ibbi-Sipiš

Autore/i: Pettinato Giovanni
Editore: Ipocan
con una Appendice di P. Mander pp. 132, XII tavv. b/n f. t., Roma Prezzo: € 18,00

Indice

I. Il culto ufficiale

A. Tipologia dei testi di offerte

B. Gli offerenti: la famiglia reale

a) Offerenti

b) Famiglia reale di Ibbi-Sipiš

C. Divinità oggetto di culto

a) Divinità

b) Emblemi divini

c) Persone sacre

d) Luoghi di culto

D. Offerte regolari e festività particolari

a) Offerte regolari

b) Feste e Riti

E. Terminologia relativa alle offerte

II. – Documentazione epigrafica

A. Testo 1 (= TM.75.G.1764)

a) Struttura del testo

b) Elaborazione

c) Commento

B. Testo 2 (= TM.75.G.2075)

a) Struttura del testo

b) Elaborazione

c) Commento

C. Testo 3 (= TM.75.G.2238)

a) Struttura del testo

b) Elaborazione

c) Commento

D. Testo 4 (= TM.75.G.11010+)

a) Struttura del testo

b) Elaborazione

c) Commento

Tabelle 1-8

Appendice di P. Mander: Valutazioni statistiche sulla gerarchia degli offerenti e sul ruolo delle divinità nel Pantheon

Tabelle 9-13

Grafici 1-5

Indici:

Termini discussi

Nomi di persona

Professioni, termini di parentela

Toponimi

Arabia Felix

Un viaggio nell’archeologia dello Yemen
Autore/i: De Maigret Alessandro
Editore: Rusconi
introduzione dell’autore. pp. 384, nn. ill. b/n, Milano Prezzo: € 24,00

La leggendaria Regina di Saba e il suo Paese favoloso. Memorie affascinanti che si perdono nella caligine scura di tempi e spazi lontani. Immagini carezzate che, pur confuse dall’accavallarsi di leggende nel corso di ben trenta secoli, restano vive, impresse in noi dall’arte, dai testi sacri, dal profumo soave dell’incenso.
Sollevare questo velo diafano è impresa non da poco, sia per le difficoltà che la ricerca incontra nella letteratura varia e molteplice, sia perché, man mano si procede, ci si accorge che anche la favola lentamente si dissacra.
L’archeologo sa però che la malinconia della fiaba perduta può esser superata dall’interesse suscitato in noi dalla scoperta e, forte della sua paziente esperienza sul campo, ci porta ad assaporare il gusto di ricomporre un mosaico complicato che alla fine dipingerà un affresco del tutto originale – ma non per questo meno suggestivo – dell’antica Arabia Felice.
Il filo narrativo, in modo chiaro ed avvincente, esce pian piano dai grovigli della persistenza delle tradizioni e delle idee, si libera dalle ostinazioni dei ricercatori, si emancipa dalle parzialità dei dati. Il discorso si allarga a considerare campi culturali e cronologici sempre più vasti, si arricchisce di una nuova messe di dati archeologici e storici fino a restituire, in prima assoluta, un quadro organico ed esauriente di tutta la materia. Il mosaico, però, è ancora lungi dall’essere completo. Le problematiche restano aperte e attendono risposte che solo il prosieguo dell’indagine archeologica potrà dare. Ma questo, in fondo, non fa altro che restituire alla leggenda profanata il suo legittimo alone di arcano.

Alessandro de Maigret è professore ordinario di Archeologia del Vicino Oriente all’Istituto Universitario Orientale di Napoli. Tra il 1970 e il 1976 ha partecipato con la Missione Archeologica dell’Università di Roma agli scavi di Ebla (Siria).
Dal 1980 dirige la Missione Archeologiea Italiana dell’ISMEO nella Repubblica dello Yemen, e le sue scoperte hanno contribuito a ricostruire la preistoria e la storia preislamica di quel Paese. Come autore vanta numerose pubblicazioni scientifiche.