La Tradizione Estetica Giapponese

Sulla natura della bellezza
Autore/i: Ricca Laura
Editore: Carocci
premessa dell’autrice. pp. 192, nn. ill. b/n, Roma

L’indagine del volume si incentra sull’esame di alcune idee estetiche del Giappone tradizionale che non sono state oggetto di analisi teoretiche sistematiche, ma hanno trovato espressione in concrete pratiche di vita e attività artistiche concepite come vere e proprie “vie” di perfezionamento spirituale. Il saggio si compone di due parti. Nella prima si pongono le premesse per indagare le idee-patrimonio dell’arte e della cultura estetica nipponica; la messa a fuoco di alcuni principi cardine che affondano le loro radici nella sensibilità “classica” giapponese contribuisce a illuminare taluni tratti della visione del mondo estremo-orientale. Nella seconda parte si analizzano alcune significative idee estetiche, la cui peculiarità è di non essere mai state organizzate in un sistema organico, forse perché troppo ovvie o troppo “vissute”. Proprio nello spirito di tale dimensione esistenziale la struttura del libro segue un percorso non lineare, dettato essenzialmente da libere associazioni, ispirandosi al genere classico zuihitsu – letteralmente “seguire il pennello”, ovvero pensieri in libertà, non necessariamente legati da nesso logico. Lungo questo percorso si sviluppano poi ulteriori diramazioni innescate da quei punti di congiunzione con il pensiero filosofico ed estetico occidentale che si offrono all’intuizione nella prospettiva di un’ermeneutica comparata.

Laura Ricca yamatologa di formazione, è attualmente assegnista di ricerca (2011-16) in Estetica all’Università di Bologna (Dipartimento di Scienze dell’Educazione, Scuola di Psicologia e Formazione). Tra il 2003 e il 2009 è stata Lettrice di Italiano e in seguito Research Fellow presso l’Università del Tohoku di Sendai in Giappone. Le sue ricerche hanno come oggetto le idee dell’arte e della cultura estetica giapponese in una prospettiva comparata.

Visualizza indice

Premessa
Parte prima
Percorsi
1. L’armonia (wa) come filosofia di vita
2. Il soffio vitale (qi)
3. L’assenza di sistematicita: lo zuihitsu
4. La relazione uomo-natura
5. La via del te

Parte seconda
Idee dell’arte e della cultura estetica giapponese
6. Furyu e iki
7. Aware
8. Wabi, sabi e mingei
9. Shibui e yugen
10. I volti del vuoto
Bibliografia essenziale

Il Padre del Tai Ki Kung

Chi Song Zi – Siu gao Tin. I nove Piccoli Cieli del Maestro del Pino rosso
Autore/i: Ming Wong Chun Ying
Editore: Mimesis
a cura di Huang Siu Chin e Masako Suzuki. pp. 300, interamente e riccamente illustrato b/n, Milano Prezzo: € 22,00

In Occidente poco o niente si sa sull’origine del Tai Ki Kung e della lunghissima vita del suo fondatore il Maestro Taoista Chang Sam Fung. La causa di tutto ciò è da ricercare nell’incapacità di leggere il cinese antico e, di conseguenza, i documenti ufficiali imperiali di quattro dinastie che parlano della vita del Fondatore. Un simile limite ha portato a credere che l’esistenza di Chang Sam Fung sia stata solo una leggenda. La Scuola “Gong” (la cui traduzione è “Fiume”) fondata da Chang Sam Fung è l’unica Scuola in tutta la Cina a praticare ancora oggi il Tai Ki Kung come lo realizzava il suo Fondatore, con i simboli e concetti che costituiscono lo studio del Taoismo Originario fondamento della storia e della cultura cinese. Questo libro, unico e straordinario, è una guida a questa antichissima Arte per conoscerla attraverso il suo Principio riscoprendo la vita di Chang Sam Fung.

Il Maestro Ming Wong C.Y. ha il piacere della ricerca, è una delle più alte personalità viventi nello studio del Taoismo. 36°(trentaseiesimo) Zong Si Capo Scuola Centrale, depositario storico ufficiale del Tai Ki Kung lo stile Originario della Scuola “Gong”. Quinto Grande Maestro della Scuola del Sud di Medicina Tradizionale Cinese, la Scuola dell’Ago Sottile.

Huang Siu Chin è un ricercatore Taoista e allievo diretto del Maestro Ming Wong C.Y.

Masako Suzuki è insegnante di lingua giapponese all’Università “Ca’ Foscari” di Venezia.

The Training of the Zen Buddhist Monk

Autore/i: Suzuki Daisetz Taitaro
Editore: University Books
illustrated by Zenchu Sato. pp. 164, nn. tavv. e ill. b/n, New York Prezzo: € 28,00

Preface:
For those who have not read my previous works on Zen BuddhismI it may be necessary to say a few words about what Zen is.
Zen (ch’an in Chinese) is the Japanese word for Sanskrit dhyana, which is usually translated in English by such terms as meditation, contemplation, tranquillisation, concentration of mind, etc. Buddhism offers for its followers a triple form of discipline: ’Sila (morality), Dhyana (meditation), and Prajña (intuitive knowledge). Of these, the Dhyana achieved a special development in China when Buddhism passed through the crucible of Chinese psychology. As the result, we can say thatZen has become practically the Chinese modusoperandiof Buddhism, especially for the intelligentsia. The philosophy of Zen is, of course, that of Buddhism, especially of the Prajnaparamita highly coloured with the mysticism of the Avatamsaka. As Zen is a discipline and not a philosophy, it directly deals with life; and this is where Zen has developed its most characteristic features. It may be described as a form of mysticism, but the way it handles its experience is altogether unique. Hence the special designation Zen Buddhism.
The beginning of Zen in China is traditionally ascribed to the coming of Bodhidhanna (Bodai Daruma) from Southem India in the year 520. It took, however, about one hundred and fifty years before Zen was acclimatised as the product of the Chinese genius; for it was about the time of Hui-nêng (Yeno) and his followers that what i now known as Zen took definite shape lo be distinguished from the Indian type of Buddhist mysticism. What are then the specific features of Zen, which have gradually emerged in the history of Buddhist thought in China?
Zen means, as I have said, Dhyana, but in the course of its development in China it has come to identify itself more with Prajña (hannya) than with Dhyana (zenjo). Prajña is intuitive knowledge as well as intuitive power itself. The power grows out of Dhyana, but Dhyana in itself does not constitute Prajña, and what Zen aims to realise is Prajña and not Dhyana. Zen tells us to grasp the truth of Sunyata, Absolute Emptiness, and this without the mediacy of the intellect or logic. It is to be done by intuition or immediate perception. Hui-nêng and Shên-hui (Jinne) emphasised this aspect of Zen, calling it the abrupt teaching in contrast lo the gradual teaching which emphasises Dhyana rather than Prajña. Zen, therefore, practically means the living of the Prajñaparamita.
The teaching of the Prajñaparamita is no other than the doctrine of Sunyata, and this is lo be briefly explained. ’Sunyata which is here translated emptiness does not mean nothingness or vacuity or contentlessness. It has an absolute sense and refuses lo be expressed in terms of relativity and of formal logic. It is expressible only in terms of contradiction. Il cannot be grasped by means of concepts. The only way lo understand it is lo experience it in oneself. In this respect, therefore, the tenn ’sunyata belongs more lo psychology than to anything else, especially as it is treated in Zen Buddhism. When the masters declare: Turo south and look at the polar star; The bridge flows but the water does not; The willow-leaves are not green, the flowers are not red; etc., they are speaking in terms of their inner experience, and by this inner experience is meant the one which comes to us when mind and body dissolve, and by which all our ordinary ways of looking at the so-called world undergo some fundamental transformation. Naturally, statements issuing out of this sort of experience are full of contradictions and even appear altogether nonsensical. This is inevitable, but Zen finds its peculiar mission here.
What Indian Mahayana sutras state in abstract terms Zen does in concrete terms. Therefore, concrete individual images abound in Zen; in other words, Zen makes use, lo a great extent, of poetical expressions; Zen is wedded to poetry.
In the beginning of Zen history, there was no specified method of studying Zen. Those who wished lo understand it carne lo the master, but the latter had no stereotyped instruction lo give, for this was impossible in the nature of things. He simply expressed in his own way either by gestures or in words his disapproval of whatever view his disciples might present lo him, until he was fully satisfied with them. His dealing with his disciples was quite unique in the annals of spiritual exercises. He struck them with a stick, slapped them in the face, kicked them down lo the ground; he gave an incoherent ejaculation, he laughed at them, made sometimes scornful, sometimes satirical, sometimes even abusive remarks, which will surely stagger those who are not used lo the ways of a Zen master. This was not due to the irascible character of particular masters; it rather carne out of the peculiar nature of the Zen experience, which, with aIl the means verbaI and gesticulatory at his command, the master endeavours to communicate to his truth-seeking disciples. It was no easy task for them lo understand this sort of communication. The point was, however, not to understand what carne lo them from the outside, but to awaken what lies within themselves. The master could not do anything further than indicate the way lo il. In consequence of aIl this, there were not many who could readily grasp the teaching of Zen.

This difficulty, though inherent in the nature of Zen, was relieved a great deal by the development of the koan exercise in the eleventh century. This exercise has now become the special feature of Zen in Japan. Koan, literally meaning official document, is a kind of problem given lo Zen students for solution, which leads to the realisation of the truth of Zen. The koans are principally taken from the old masters’ utterances. Now with a koan before the mind, the student knows where to fu his attention and lo find the way to a realisation. Before this, he had to grope a!together in the dark, not knowing where to lay his hand in his search of a light.

The koan exercise is no doubt a great help lo the understanding of Zen, but at the same time it is liable to lower the spiritual quality of the students who come to study Zen. Systematisation in one sense means popularisation, for things become easier lo comprehend by being put in order. But this democratic diffusion tends to kill the chance for originality and creativeness, and these are the characteristics of the religious genius. System does not permit irregularities, they are generally excluded from it. But in Zen these irregular leapings are the thing most needed, although the koan exercise is a very flexible system and by the judicious use of it the master is able lo educate his students in full accordance with the real spirit of Zen.
Zen came to Japan in the thirteenth century when the Kamakura government under the Hojo family was having its heyday. Il was atonce embraced by the military class. Being direct and not requiring much learning, it was the very thing for the Hojo warriors. Japanese culture under the Hojo regime is noted for its austere simplicity, and for its vigorous creativeness, especially in religious thought: great Buddhist leaders were produced, who founded new schools of Buddhism; most Zen monasteries of the first importance were established; and the rise of Bushido the Warrior’s Wayis coincident with the spread of Zen among the warrior class. The art of fencing too owes a great deal lo the teaching of Zen, for it is deeply imbued with its mystic spirit. That the Japanese sword is lo be used with both hands and that the Japanese warrior never carries a shield, always bending on attack, show how well the samurai appreciates the practice of Zen, in which the idea of going-straight-ahead-nessI is strongly emphasised.
Zen has had far more in Japan than in China to do with the moulding of the character of her people and the development of her culture. That is perhaps one of the reasons why Zen is still a living spiritual force in Japan, while in China it has almost ceased to be so. The Zendo (Meditation Hall) in Japan is visited by youths of character and intelligence, and that Zen tradition is very much a living fact is shown by the sale of books on Zen. Many devoted followers of Zen can be found among business men, statesmen, and other people of social importance. The Zendo is thus by no means an institution exclusively meant for the monks.
There are at present over twenty such institutions in Japan which belong lo the Rinzai branch of Zen. In the Soto branch too there must be many, of which, however, I am not so well informed, and what is described in the following pages is principally applicable lo the Rinzai. While both the Rimai and the Soto belong lo Zen, they have been differentiated from each other in the course of their history in China, but much more emphatically in Japan.
Il is impossible, as I maintain, in the study of the Orient, especially in the study of Japanese character and culture, to neglect much less to ignore the influence of Zen. Zen ought lo be studied not only in its theoretical aspect as a unique product of the Oriental mind, but in its practical aspect as is lo be seen in the Zendo life. This is the chief motive for my writing this book, which is fully illustrated by Reverend Zenchu Sato, of Tokeiji, Kamakura.
He is not a professional painter, but being one of those who have gone through all the disciplinary measures pertaining to the Zendo life, he is thoroughly imbued with its spirit, and what he has depicted here is the record of his own experience.
I have added many Zen interviews or dialogues or stories of the ancient masters culled somewhat at random from a work entitled Zen-rin Rui-shu in twenty fascicules. It is quite a handy book,givingZen stories under classified headings; unfortunately, it is now a rare book.

DAISETZ TEITARO SUZUKI KAMAKURA, JANUARY, 1934

Patañjali Rivelato

Gli Yoga Sutra secondo gli insegnamenti di Paramhansa Yogananda – Presentati dal suo discepolo diretto Swami Kriyananda
Autore/i: Swami Kriyananda
Editore: Ananda
prefazione di Nayaswami Gyandev McCord, premessa e introduzione dell’autore, traduzione di Sahaja Mascia Ellero. pp. 284, Gualdo Tadino (PG) Prezzo: € 12,00

La vera voce dello yoga dalla saggezza di Paramhansa Yogananda.
Un libro a lungo atteso nel mondo dello Yoga. Uno dei più profondi commenti agli immortali Yoga Sutra (Aforismi) di Patañjali, la più importante scrittura di questa scienza millenaria. Basandosi sui commenti inediti di Paramhansa Yogananda, il suo discepolo Kriyananda ci offre una visione pratica di questi altissimi insegnamenti, rendendoli accessibili a tutti e spazzando via alcune delle interpretazioni, affermatesi nel corso del tempo, che li rendevano oscuri e difficili da applicare.

Dall’introduzione di Swami Kriyanananda:
“… Il mio Guru, Paramhansa Yogananda, condivise con me alcune delle sue più importanti intuizioni riguardo a questi sutra. […] Ho scritto questo libro facendo ricorso alla mia profonda conoscenza degli insegnamenti di Yogananda e alle mie riflessioni personali su tutto ciò che egli condivise con me quando eravamo soli nel suo ritiro nel deserto ed egli mi spiegava il significato sottile delle parole di Patañjali. Di conseguenza, conosco gli insegnamenti di Patañjali sullo yoga per come li ho appresi direttamente dal mio Guru; mi sono immerso in quegli insegnamenti per sessantaquattro anni. […] Amo la chiarezza e sento di dover lavorare nel miglior modo possibile per raggiungerla. …Ho deciso di dedicarmi a quest’opera perché ritengo che il mondo di oggi abbia profondamente bisogno di questo libro…”.

Perle di ispirazione tratte dal libro Patañjali rivelato.
Gli Yoga Sutra di Patañjali rappresentano un appello appassionato a trascendere qualsiasi differenza religiosa. Il loro messaggio fondamentale è questo: «Ecco dei metodi che possono essere verificati e dimostrati. È possibile conoscere che cos’è Dio attraverso l’esperienza personale»….
Paramhansa Yogananda ha dichiarato che il futuro della religione, ovunque, sarebbe stato la realizzazione del Sé: l’effettiva esperienza del Sé universale. Patañjali ci mostra come raggiungere quello stato di unione con il Divino. [….]. Patañjali colma la nostra mente di perdono, di amore sincero e altruistico e di comprensione. Patañjali porta all’umanità molto più che un fresco soffio di Verità. Egli porta il vento di una nuova realtà, odoroso di fresche correnti di speranza: la speranza non solo di un futuro migliore, ma di un futuro perfetto! ».

Visualizza indice

Prefazione
Premessa
Introduzione
Samadhi Pada – IL PRIMO LIBRO
Sadhana Pada – IL SECONDO LIBRO
Vibhuti Pada – IL TERZO LIBRO
Kaivalya Pada – IL QUARTO LIBRO
Glossario dei termini sanscriti
Indice analitico

Il Culto della Yoni

(Yonitantra)
Autore/i: Anonimo
Editore: Edizioni Dell’Orso
prefazione di Stefano Piano, introduzione e cura di Antonio Maria Sacco. pp. XV-308, tavv. b/n f.t., Alessandria Prezzo: € 20,00

In ogni tempo e luogo l’uomo ha sempre avuto un’aspirazione unica: vincere la morte. Secondo lo Yonitantra, la liberazione è possibile solo con il culto della yoni (vulva) e il coito rituale, con la produzione, l’offerta, il consumo e l’unzione della sublime essenza (tattvam uttamam) data dalle secrezioni sessuali. Il rituale vuole valorizzare la vita umana nei suoi bisogni primari e più sensuali con l’impiego dei cinque elementi dell’adorazione tantrica e far capire la carica positiva insita in essi per il conseguimento della felicità. Esso sembra accessibile a tutti, invece è compiuto solo dai praticanti śākta più perseveranti nell’azione divina, “eroi” nel percorso spirituale, per i quali sia lo yoga sia il godimento sono mezzi interscambiabili per raggiungere la Realtà stessa. Lo Yonitantra è un testo breve ma significativo, perché illustra bene quale sia il percorso che l’uomo deve intraprendere per conseguire il successo. La perfezione è già possibile in questa vita con il culto della yoni della compagna rituale, immagine della Divinità. Ogni donna, specialmente di bassa casta e reietta, è omaggiata come Potenza, Colei da cui tutto è scaturito e in cui tutto confluisce. L’uomo non può che inchinarsi a tale mistero e cercare di immergervisi per annullare tempo, sofferenza, disagio esistenziale e perseguire con zelo il cammino di perfezione verso la Beatitudine infinita. Questo libro, ricco di note, propone la prima traduzione italiana dello Yonitantra, testo ritualistico del tantrismo dei Kaula, gli adoratori appartenenti alla “famiglia” di maestri degli iniziati al culto segreto della Dea.

Antonio Maria Sacco (Torino 1951) è docente di Lettere nella scuola secondaria. Nel 1976 ha partecipato alla spedizione alpinistica con il CAI, sezioni Torino e Uget, nel gruppo della Nandā Devī (Uttarāñcal, India). Nel 1982 si è laureato presso l’Università degli studi di Torino con una tesi sul santuario himālayano di Badrīnāth (relatore Mario Piantelli, docente di Religioni e Filosofie dell’India e dell’Estremo Oriente). Ha continuato gli studi indologici sotto la guida di Stefano Piano. Nel 1989 si è perfezionato in lingua tibetana con Erberto Lo Bue (diploma rilasciato dall’Istituto Italiano per il Medio ed Estremo Oriente di Roma). Ha compiuto diversi viaggi in India e Nepāl. Tra i suoi articoli si segnalano Il Badarikāśramamāhātmya: continuità e attualità di un’antica tradizione sacra (“Annali”, Napoli, 1992) e Sherpa Funeral Ceremony (“Tibet Journal”, 1998).

Essais sur le Bouddhisme Zen

Autore/i: Suzuki Daisetz Taitaro
Editore: Adrien-Maisonneuve
première édition, traduction (vol. 3-4) de René Daumal, traduction (vol. 2) de Pierre Sauvageot et René Daumal, traduction (vol. 1) de Pierre Sauvageot. prèface de Jacques Bacot. vol. 1 pp. 348, vol. 2 pp. 248, vol. 3 pp. 288, vol. 4 pp. 192, Paris Prezzo: € 50,00

“Les périodes de violence et de troubles ont toujours suscité, comme par une sorte de réaction et de compensation, des foyers isolés de spiritualité intense. Dans le passé, les saints furent bien souvent la contrepartie de la barbarie. Beaucoup furent le fruit de grandes persécutions. Le sombre fond sur lequel ils brillent et leur éclat, feraient sans doute, fondus ensemble, une moyenne de couleur équivalente à la grisaille uniforme des périodes heureuses. C’est pourquoi, aujourd’hui, il ne faut pas désespérer. Et c’est pourquoi aussi, visiblement, depuis la dernière guerre, les différentes mystiques préoccupent tellement les esprits. Les Essais de M. Daisetz Teitaro Suzuki, professeur de Bouddhisme Zen à Kyoto, essais don t M. Pierre Sauvageot se propose de traduire la collection, sont une manifestation japonaise typique qui a sa place naturelle au. milieu du tumulte extrêmeoriental.
J’appelle l’attention sur celte circonstance exceptionnelle d’un enseignement écrit dans une langue européenne, par un maître bouddhiste, armé de la[…]“

Teoria e Pratica dello Zen

Autore/i: Thich Thien-An
Editore: Ubaldini Editore
pp. 132, Roma Prezzo: € 12,00

Questo libro presenta i due aspetti dinamici dello Zen: la sua filosofia e il suo modo di vita. Per guidare il lettore verso una migliore e più ampia comprensione, Thich Thien-An, monaco vietnamita, risale alle origini storiche dello Zen, esaminandole all’interno del contesto più generale del pensiero buddhista e quindi concentrandosi sull’unione fra teoria e pratica, meditazione e azione, saggezza e compassione.

Se per il principiante Teoria e pratica dello Zen rappresenta un’introduzione concisa e coerente ai fondamenti della teoria e della tecnica dello Zen, per lo studioso, la semplicità e la chiarezza del libro contribuiranno a sciogliere quell’alone di mistero che circonda molte delle interpretazioni dello Zen e approfondiranno la comprensione dello Zen nella vita quotidiana. Ognuno dei quattordici capitoli di cui il libro si compone descrive appieno una specifica pratica meditativa, dalle tecniche relativamente semplici a quelle più complesse come vengono insegnate dalle varie tradizioni del Buddhismo Zen.

Visualizza indice

Prefazione

Introduzione

1. Il Buddha e le origini dello Zen

2. Bodhidharma: il patriarca dell’Occidente

3. La meditazione attiva di Hui-Neng

4. Tre elementi essenziali della pratica Zen

5. La teoria del Karma e il Buddhismo Zen

6. La via dell’azione

7. L’autoriflessione nel Buddhismo Zen

8. Mu

9. Le tre mete dello Zen

10. Il Non-Attaccamento

11. Ogni giorno è un buon giorno

12. Auto-potere e altrui-potere

13. Il proprio sé e gli altri

14. Parole e azioni

Appendice A: La questione dell’anima nel Buddhismo

Appendice B: Il canto dello Zazen

Glossario

Con i Lama del Tibet

Autore/i: Arnold Paul
Editore: Città Nuova
traduzione di Gisella Waldman pp. 186, Roma Prezzo: € 12,00

Negli ultimi tempi l’Oriente suscita un interesse crescente fra gli Occidentali: è in aumento la letteratura sulle mistiche orientali, così il numero di coloro che fanno esercizi yoga per curarsi le nevrosi che provoca la società superindustriale, come pure dei pellegrini diretti verso Oriente per appagare esigenze interiori rimaste insoddisfatte dal nostro ambiente razionalista e agnostico.

L’Autore di questo libro, – affermato scrittore alsaziano che ha pubblicato varie opere sull’esoterismo in letteratura e nel teatro e che collabora a importanti riviste in Francia -, animato dallo struggente desiderio di raggiungere la pace interiore, lascia Parigi, dove vive, e arriva a Darjeeling, un villaggio indiano prossimo alle frontiere del Tibet, ove un giovane monaco buddista lo introduce nel monastero di Bhouthia Bousty, sotto le pendici imalayane, una delle roccaforti rimaste del lamaismo tibetano in esilio, dopo che il Tibet ha subito l’invasione cinese. L’Autore viene accolto nel gonpe (la lamaseria) come futuro iniziato, e sotto la guida di un rinpotcé (grande lama) egli comincia la sua ascesi spirituale. Attraverso riti di iniziazione ed esercizi psico-fisici, egli è introdotto ai metodi della concentrazione mentale che gli permettono di padroneggiare non solo il flusso dei pensieri, ma anche dei muscoli, insomma l’intera vita vegetativa. Soprattutto, gli fanno scoprire un’insospettata energia dentro di sé che è l’amore. «Ero venuto qui per scoprire la strada che porta alla pace del cuore: ora sapevo che essa non può mai essere solitaria, che se la cerchiamo soltanto per noi, senza che ci importi quella del nostro prossimo, ci sfugge di mano. Dovevo dimenticare i miei sentimenti e il mio bene, per poter operare per gli altri». Questa singolare esperienza ci offre un’immagine fresca ed esatta di questo mondo leggendario, a volte artefatto da giornalisti e cineasti. Con stile attraente ci comunica tutto quanto è possibile conoscere del lamaismo: templi, riti, danze, usi, costumi e la vita interna di questi monaci. Inoltre, è testimonianza di una ricerca estremamente sincera e che, proprio per questo, giunge a scoprire alcuni fra i più genuini e fondamentali valori iscritti nella natura umana.

Yoga dall’Autentica Tradizione Indiana

Asana, pranayama, meditazione ed ayurveda da Benares all’Occidente
Autore/i: Olivares Manuel
Editore: VivereAltrimenti
pp. 238, Londra Prezzo: € 15,50

Un trattato sull’antichissima disciplina yogica, su una tradizionale scuola di Hatha Yoga nel cuore di Benares — la “città indiana della tradizione” — e sulla sua fondatrice ed insegnante: Smriti Singh.
Nell’autunno del 2009 i suoi insegnamenti hanno raggiunto, per la prima volta, l’Europa. È stato un primo passo sulla via della loro internazionalizzazione, cui hanno fatto seguito — nel 2010, nel 2011 e nel 2012 — successivi tour europei della yogini di Benares.
Il diffondersi di questi “semi yogici” è coerente con un fenomeno più ampio: “l’irruzione dell’India nella storia”. Benares rappresenta ancora oggi, nel subcontinente, un fondamentale tirtha (luogo sacro), uno scrigno in cui un’ancestrale conoscenza spirituale è stata preservata dalla corruzione del
tempo. È auspicabile che qualcosa di questo tesoro possa essere saggiamente investito in un dialogo interculturale ed un’insegnante come Smriti Singh, che ha iniziato ad apprendere i fondamenti dello yoga prima di iniziare a camminare (dalla mamma, anch’essa yogini), ha tutte le risorse per essere tra i protagonisti di questo difficile ma suggestivo confronto.

Visualizza indice

Prefazione all’edizione italiana

Prefazione all’edizione inglese

I. Una generale introduzione allo yoga

II. Storia ed attualità dello yoga

III. Benares, “città di luce”

IV. Smriti Singh e la Om international Yoga health society

V. Asana, pranayama e mudra illustrati

Lo Zen Soto e i Koan

La Via della presenza di spirito
Autore/i: Girolami Dario Doshin
Editore: La Parola
introduzione dell’autore. pp. 234-IV, Roma Prezzo: € 20,00

Questo è un libro di domande, non di risposte. I maestri zen, infatti, pongono le domande giuste, perché sono le domande a essere piene di vita, piene di possibilità. Nella tradizione Zen Soto si utilizzano i koan, antiche storie di illuminazione, per individuare le domande che bisogna porsi per investigare nella giusta direzione. Ecco perché in questo libro troverete – a commento dei koan, e secondo lo stile Soto Zen – tante domande e non certo le soluzioni ai koan. Venti storie zen, venti storie di illuminazione, senza tempo. Anche se i protagonisti sono vissuti nell’India dell’epoca del Buddha, nell’Antica Cina o nel Giappone medievale, ciò che hanno realizzato travalica i confini di spazio e tempo. Era valido allora in Oriente ed è valido oggi in Occidente.
Il libro non presenta solamente un commento ai koan ma anche una guida alla pratica meditativa zen, che consente di ritrovare la pienezza dell’esistenza.
Lo Zen è infatti la vita, la nostra vita.

Dario Doshin Girolami, maestro zen della scuola Soto, ha ricevuto la Trasmissione del Dharma da Eijun Roshi Linda Cutts, badessa del San Francisco Zen Center – fondato da Shunryu Suzuki Roshi. Si è laureato in Religioni e Filosofie dell’India e dell’Estremo Oriente con Corrado Pensa all’Università La Sapienza di Roma. Ha fondato il Centro Zen L’Arco di Roma, dove insegna Zen e Tai chi chuan. Già professore a contratto di Zen presso la John Cabot University di Roma, tiene regolari seminari presso la facoltà di Psicologia dell’Università La Sapienza di Roma, e tiene, inoltre, regolari corsi di meditazione presso la Casa di Reclusione di Rebibbia di Roma.

Meditazione Guidata di Nutri i Tuoi Demoni

La pratica Chöd per risolvere i conflitti interiori
Autore/i: Allione Tsultrim
Editore: Psiche 2
testo a cura di Luciana Percovich, traduzione di Monica Smith. pp. 104 + Cd audio in allegato durata 32 minuti, Torino Prezzo: € 22,00

Nel CD audio allegato a questo libro troverete La Pratica Chöd di Nutri i tuoi Demoni.
Lama Tsultrim Allione fa conoscere al mondo occidentale una pratica sviluppata a partire dagli insegnamenti di una delle grandi maestre tibetane, Machig Labdrön, fornendo un metodo efficace per affrontare i nemici interiori, come la depressione, l’odio verso se stessi, l’ansia, i problemi relazionali, le dipendenze e tutti gli stati emozionali che stravolgono la vita quotidiana, rappresentati come demoni.
Lama Tsultrim Allione insegna una pratica accessibile e potente al tempo stesso, guidandoci attraverso questa meditazione, composta da cinque fasi.
I demoni non sono un “concetto buddista”, sono le nostre difficoltà, gli eventi e i fatti che accadono nella vita.
L’insegnamento di Machig Labdrön è quello di nutrire, e non di combattere, i nostri demoni, così che l’energia che è bloccata, intrappolata nel nostro demone, diventi nostra alleata, ed il demone il nostro protettore.

Movimenti Taoisti

per la Longevità e la Salute
Autore/i: Ardeni Roberto
Editore: Life Quality Project Italia
DVD, Roma Prezzo: € 13,00

Le diverse scuole e branche del Taoismo in Cina, sin dall’antichità, sono state caratterizzate da tecniche differenti per preservare lo stato di salute e favorire la longevità.
I Movimenti praticati in questo DVD appartengono alla branca della Scuola della Montagna Huashan e sono stati tramandati oralmente di generazione in generazione fino a oggi. Questi Movimenti, facili da apprendere, interessano sia l’aspetto interno che quello esterno del corpo e la loro peculiarità risiede nell’assoluta importanza che viene attribuita allo “Xiadan”, la regione inferiore dell’addome, cioè il sistema riproduttivo interno e delle ghiandole sessuali.
Il sistema riproduttivo interno, il “Rene” secondo la Medicina Tradizionale Cinese, è la fonte stessa della vita, dal quale fluisce l’energia vitale, madre di tutte le funzioni essenziali del corpo.
L’obiettivo primario di questi Movimenti è di stimolare la produzione di ormoni sessuali, la circolazione energetica e sanguigna, riequilibrare le funzioni biologiche, mantenere sane e vive le cellule, rafforzare le difese immunitarie, favorire uno stato prolungato di giovinezza e vitalità.

Il Divino Amante

La pratica spirituale indiana della via d’amore
Autore/i: Milanetti Giorgio
Editore: Ubaldini Editore
pp. 142, Roma Prezzo: € 9,00

La pratica della ’via d’amore’ (prem-marg) rappresenta uno degli aspetti più vivi e luminosi dell’intera spiritualità indiana. Non vi sono celati, infatti, soltanto gli elementi della passione devozionale (bhakti), ma anche tecniche fondamentali dello yoga e caratteri delle dottrine gnostiche e delle discipline esoteriche. La ’via d’amore’, dunque – che già venne additata nella Bhagavad-gita e che infine si affermò in epoca medievale con l’apoteosi delle figure divine di Rama e Krsna – costituisce un itinerario completo, la cui segreta integrazione venne insegnata dai viandanti più illuminati: così fecero i Sant (Kabir, Dadu, guru Nanak), cui viene dedicato un intero capitolo della presente opera; ma la necessità di alimentare l’ardore della passione devozionale con il copioso combustibile dell’ascesi, e di temperarlo al gelo del discernimento e della consapevolezza, traspare con la medesima urgenza anche dagli insegnamenti degli inebriati devoti di Krsna e dei Sufi indiani – i mistici dell’islam – di cui, rispettivamente, si occupano gli altri due capitoli.

La meta di quell’itinerario è l’abbandono di sé; il discioglimento (laya, fana) nell’abbraccio del Divino Amante. I canti che descrivono quell’ineffabile unione appaiono circonfusi di splendore, e le parole, assieme al pensiero, sembrano arretrare: ma l’emozione suscitata dai versi appassionati di quei santi può condurre ancor oggi – attraverso la sempre viva metafora dei modi dell’amore umano – fino sulla soglia della rivelazione del segreto dell’’unione’ (milan, samyog).

Visualizza indice

Il Divino Amante

Krsna-bhakti. Il culto amoroso del dio-pastore

La via d’amore dei santi-poeti nirgun

La simbologia erotica dei sufi indiani

Nota sulla trascrizione e sulla pronuncia

Note

Samadhi Yoga

Autore/i: Swami Sivananda
Editore: Vidyananda
pp. 266, Assisi (PG) Prezzo: € 18,00

Il samadhi è l’apice della scienza spirituale dello Yoga, lo stadio supremo dell’unione con il Divino. Scritto dalla profondità della realizzazione spirituale di Swami Sivananda – il grande santo yogi di Rishikesh – questo libro descrive la filosofia dello Yoga e i passi preliminari per giungere all’Unione e infine spiega i diversi tipi e stadi di samadhi.
Chi vuol fare l’esperienza meravigliosa del samadhi deve controllare la mente e il respiro, deve praticare Yoga e osservarne le regole. Per entrare nella meditazione profonda e nel samadhi, l’aspirante spirituale deve avere un ardente desiderio di liberarsi dal fuoco del samsara, come chi fugge da una casa in fiamme.
Samadhi significa annientamento o assorbimento della mente. La mente va ritirata dal mondo esterno e tenuta sotto controllo fino a dissolverla nel cuore. La mente disciplinata porta all’intensa contemplazione e fa entrare in nirvikalpa samadhi. Il samadhi segue la meditazione; la meditazione profonda è il samadhi.
Non si tratta di uno stato d’inerzia, oblio o annientamento, ma di uno stato d’assoluta coscienza che sfugge ad ogni tentativo di descrizione. Come il sale gettato in acqua si scioglie nell’acqua, così la mente unita al Divino alla fine si fonde nel Divino. Per un saggio non vi è ‘entrare’ e ‘uscire’ dal samadhi: ovunque vada e qualunque cosa faccia egli rimane sempre in samadhi e beve il nettare dell’immortalità in questa stessa vita.
Il samadhi non è una specie d’entusiasmo emotivo o un sentimento d’euforia, ma l’esperienza intuitiva diretta della Coscienza Assoluta, la Realtà Ultima, al di là di ogni sensazione, emozione, fremito ed eccitazione. Vi è perfetta consapevolezza, si rimane nel proprio centro e si realizza la libertà assoluta, l’indipendenza e la perfezione.
Nel samadhi non vi è tensione mentale, ma perfetto equilibrio, perfetta pace e silenzio; vi è il totale controllo delle funzioni mentali. Non c’è più ignoranza sulla propria natura spirituale: il piccolo ego finito viene assorbito nella Coscienza Infinita; la mente e i sensi cessano di funzionare, il velo dell’ignoranza è bruciato dal fuoco della conoscenza. Nel samadhi non c’è più il soggetto che medita né l’oggetto di meditazione. Il meditante discioglie la sua personalità nell’oceano di Dio, assorto e annullato fino a diventare un semplice strumento nelle mani del Signore.

Visualizza indice

Biografia di Swami Sivananda

Introduzione

Samadhi in sei mesi

Il Samadhi nelle Upanishad

Samadhi Yoga

1. Sadhana

2. Yoga

Cos’è lo Yoga

Chi è uno Yogi

I Diversi Sentieri dello Yoga

3. La Mente e i suoi Misteri

La Mente e la sua Natura

La potenza del Pensiero

Guna

Mente e Cibo

I Desideri – Causa di Schiavitù

4. Il Controllo della Mente

Purificazione della Mente

Controllo dei Sensi

La Lingua

Il Voto del Silenzio

La Conquista della Mente

5. Cattive Qualità

Collera

Paura

Orgoglio

Odio e Gelosia

Come Sdradicare le Cattive Qualità

6. Qualità divine

Verità

Ahimsa (non violenza)

Giustizia

Coraggio – Forza

Umiltà

Titiksha

Contentamento

Amore e Compassione

7. Pranayama

Pratica del Pranayama

Consigli sul Pranayama

Istruzioni Speciali

8. Pratyahara

9. Dharana

10. Dhyana

Meditazione

La Meditazione nelle Diverse Vie

Meditazione su Om

Meditazione: Benefici ed Esperienze

Ostacoli alla Meditazione

Solitudine e Meditazione

11. Siddhi

Kundalini Yoga

12. Samadhi

Raja Yoga Samadhi

Bhakti Yoga Samadhi

Jnana Yoga Samadhi

Concentrazione

Appendice

Sonno e Samadhi

Glossario dei Termini Sanscriti

Gesto di Equilibrio

Guida alla consapevolezza, alla salute interiore e alla meditazione
Autore/i: Tulku Tarthang
Editore: Ubaldini Editore
prefazione di Herbert V. Guenther, introduzione dell’autore, traduzione di Augusto Menzio. pp. 144, Roma Prezzo: € 11,00

Composto di scritti abbastanza insoliti per la nostra mentalità occidentale, questo libro ci stimola a sperimentare direttamente la nostra natura al fine di scoprire in essa nuovi e sorprendenti modi di vivere una vita piena e degna di essere vissuta. Con essenzialità e linearità, Tarthang Tulku spiega che la maggior parte dei nostri problemi è creata da sottilissimi atteggiamenti mentali: sensi di smarrimento, di separazione e di mancanza di scopo, che mettono costantemente a dura prova le nostre energie di vita. Uno dei metodi più efficaci per superare quest’ansia e per ridarci la salute interiore è la meditazione: con essa impariamo a esaminare la nostra mente e il nostro cuore, a sviluppare sentimenti caldi, positivi, e a raggiungere – al di là delle parole e dei concetti – un più sensibile livello di consapevolezza interiore. L’espressione naturale di questa consapevolezza meditativa è ’equilibrio’: equilibrio tra il nostro corpo e la nostra mente, tra noi e il mondo.