Music and Medicine from East to West

Ibn Sīnā – Sergio Piro
Autore/i: D’Acierno Maria Rosaria
Editore: Irfan Edizioni
new edition with a comment by Nūrāldīn Nājī. pp. 120, ill. a colori, San Demetrio Corone (CS)

This research wants to highlight how important and advanced was the eastern world compared too the western civilization. My attention will focus on the philosophical field, but in the Muslim area, philosophy includes a large variety of subjects, and among them medicine and music. Medicine in the Islamic world also was “pluralistic”, with various practices serving different needs and sometimes intermingling”. Thus, I am going to examine how hospitals in Baghdad (705), in Fes (in the early 8th century), in Cairo (800), in Damascus and Aleppo (1270)  were organized, each one having its mental health department, in which psychiatric patients were cured by establishing a solid relationship with their doctors, whose firts purpose was to talk to them and consider them as human beings and not broken machines (Israel). It was applied, in fact, for the first time in history, the actual and very satisfying practice of music therapy. Then, throughout the evalutation of music from Plato to Aristotele, and well known Arab philosophers, I will analyze the link between medicine and psychology in Medieval Islam, and compare the techniques applied at that time to the methods used nowadays in western psychiatric hospitals. When talking about music within Islamic context, of course, it is necessary to examine its value, its origins, the instruments used, and how it is judged according to religious principles.

Maria Rosaria D’Acierno is professor of English and English Linguistics at the University of Naples Parthenope. She started as a researcher at Università L’Orientale with publications in particular on bilingualism and multilingualism/multiculturalism. Sha has studied abroad and as a speaker has partecipated in many international conferences. Sha has been a member and a research at the Mental Health Department of Scuola Antropologico-Trasformazionale held by Prof. Sergio Piro and has completed the five year psychotherapist course at the Mental Health Hospital “Frullone” in Naples. She has a three year master degree in Clinical Pedagogy attended in Florence. She graduated at Università L’Orientale in “lingue e Letterature Straniere” (Inglese, Tedesco e Francese), “Filosofia” (Facoltà di Lettere e Filosofia), and “Arabo e Urdu” (Facoltà di Studi Islamici). She has publications in the filed of linguistics in various areas from the analysis of political language, to that of advertisements, poetry, literary language and many other subjects. She is now considering the linguistic and socio-cultural problems related to immigrant people. With “Irfan Edizioni” she has published Contrastive Analysis and Translation: Arabic, Italian, English (2011).

Visualizza indice

A comment by Nūrāldīn Nājī
Introduction
Chapter I
Islamic Influence on Medieval Europe
a) Can we deny Islamic Influence on Medieval Europe?
b) Arab fields of research influencing Medieval Europe
Chapter II
Music in the eastern world and its influence on the western civilization
a) Halāl –- حلال or Harām –- ?حرام
b) The origins of Arab music موسيقى عربية
c) Musical theory
d) Musical instruments
Chapter III
Greek and Islamic philosophers
a) Music and the soul: Greek and Islamic philosophers
b) The theory of humours and the meaning of soul for Muslim scholars
c) Arab philosophers and music
d) The Ikhwān al-Ṣafā إحْوَان الصًّفاء
Chapter IV
Music therapy and its resources in our post-modern world
a) The brain map for music and language
b) Effect of music therapy on the brain
c) The Anthropological-Transformational School between music and communication
Appendix
Bibliography

Musica Indiana

Teoria e approfondimenti da una prospettiva occidentale
Autore/i: Saterini Patrizia
Editore: Il Punto D’Incontro
pp. 240, Vicenza Prezzo: € 12,90

Chi si avvicina alla musica indiana incontra una cultura artistica ricca, articolata e particolarmente sofisticata, in cui il fare musica è inteso come un processo creativo che ha un preciso impatto sull’esistenza. L’arte conduce alla trascendenza attraverso l’esperienza estetica e il musicista diventa così il tramite tra il mondo terreno e quello celeste. Per un occidentale, il contatto con questa concezione musicale apparentemente lontana può costituire un’occasione di arricchimento artistico e personale. Avvalendosi della propria esperienza trentennale, Patrizia Saterini, insegnante e musicista, non solo espone esaurientemente tutti i concetti teorici basilari della musica indiana, ma li colloca in una riflessione filosofica che non mancherà di affascinare chi si accosta a questa antica cultura, offrendo anche una serie di interviste ad alcuni tra i personaggi più significativi del panorama artistico indiano contemporaneo.

• Il concetto di suono e del fare musica
• Raga
• Il ciclo ritmico
• Voce, strumenti e danza
• Storia e teoria musicale
• L’insegnamento tradizionale
• I due sistemi: indostano e carnatico
• Intonazione e temperamento
• Il sistema microtonale
• L’improvvisazione
• Applicazioni pratiche

Danza coi Sufi

Incontro con l’Islam mistico
Autore/i: Ambrosio Alberto Fabio
Editore: Edizioni San Paolo
introduzione dell’autore. pp. 168, Cinisello Balsamo (MI) Prezzo: € 9,90

L’autore, domenicano, è da anni uno dei maggiori studiosi cristiani dell’Islam mistico. In questo libro racconta l’origine di questa sua passione e introduce il lettore nello straordinario mondo del sufismo, la mistica islamica. Ambrosio mettendosi in gioco in prima persona, conduce il lettore a una duplice riflessione, sia teorica che personale, riguardo al tema del dialogo intrareligioso, tanto caro a Raimon Panikkar. Una profonda e inedita scoperta dell’Islam che affascina e non spaventa, quello dei grandi mistici e delle scuole spirirtuali.

Quaderni di Studi Arabi n. s. 7 – 2012 – Arabic Literature and Music

Autore/i: AA. VV.
Editore: Ipocan
Roma Prezzo: € 70,00

Sommario

Introduction, by Hilary Kilpatrick

Geert Jan VAN GELDER, Sing Me to Sleep: Safi al-Din al-Urmawi, Hulegu, and the Power of Music

Julien DUFOUR, «J’ai oui chanter les oiseaux»: Musique, chant, danse et poésie humayni

Carl DAVILA, Ya qatili bi-t-tajanni: Love, Contextualized Meaning and Praise of the Prophet in Ramal al-Maya

Dwight REYNOLDS, Lost Virgins Found: The Arabic Songbook Genre and an Early North African Exemplar

Hilary KILPATRICK, The Example of the Angels: Makarios ibn al-Za’im’s Treatise on Byzantine Hymnography

Anne VAN OOSTRUM, Arabic Music in Western Ears: An Account of the Music of the Hejaz at the Turn of the Twentieth Century

Elizabeth WICKETT, The Aesthetics and Poetics of Upper Egyptian Funerary Lament in Performance

Frédéric LAGRANGE, « Mettre en musique »: La sélection et l’interprétation de la qasida dans le répertoire égyptien savant enregistré sur disques 78 tours (1903-1925)

Monica Ruocco, Between Symphony and Novel: ’Ali Badr’s Haris al-tabg (The tobacco keeper)

Lidia BETTINI, Su alcune pubblicazioni recenti in linguistica araba

Gregor SCHOELER, The Genres of Classical Arabic Poetry. Classifications of Poetic Themes and Poems by Pre-Modern Critics and Redactors of Diwans

Oriana CAPEZIO, Il tarqis nel dondolio delle parole

Giovanni CANOVA, Piazza Tahrir: graffiti e poesia

RECENSIONI

S.R BURGE, Angels in Islam. Jalal al-Dln al-Suyuti’s al-Haba’ik fi akhbar almala’ik, London – New York 2012 (R. Tottoli);

G.S. REYNOLDS (ed.), The Qur’an and its Historical Context, London 2008 (C. Bori);

G.S. REYNOLDS, The Qur’an and its Biblical Subtext, London 2011 (C. Bori);

U. VERMEULEN – J. van STEENBERGEN (eds), Egypt and Syria in the Fatimid, Ayyubid and Mamluk Eras, Leuven 2005 (C. Bori);

K. STILT, Islamic Law in Action. Authority, Discretion, and Everyday Experiences in Mamluk Egypt, Oxford – New York 2012 (P.B. Lewicka);

A. GHABIN, Hisba, Arts and Craft in Islam, Wiesbaden 2009 (E. Francesca);

A.E. MAROGY, Kitab Sibawayh. Syntax and Pragmatics, Leiden 2010 (A. Ghersetti);

M. AL-SHARKAWl, The Ecology of Arabic. A Study of Arabicization, Leiden – Boston 2010 (A. Ghersetti);

H. RITTER, Worterbuch zur Sprache und Kultur der Twareg, Wiesbaden 2009 (AM. Di Tolla);

B. ORFALI (ed.), In the Shadow of Arabic: The Centrality of Language to Arabic Culture. Studies presented to Ramzi Baalkaki on the Occasion of his Sixtieth Birthday, Leiden – Boston 2011 (L. Bettini);

A. SADAN, The Subjunctive Mood in Arabic Grammatical Thought, Leiden – Boston 2012 (F. Grande);

C. BANDAK, Libro de los buenos proverbios. Estudio y edicion critica de las versiones castellana y arabe, Zaragoza 2007 (F. Bellino);

A. HENEMANN et al. (eds), Al-Jahiz A Muslim Humanist for our Time, Beirut 2009 (F. Bellino);

N. PAPOUTSAKIS, Desert Travel as a Form of Boasting. A Study of Du r-Rumma’s Poetry, Wiesbaden 2009 (F. Bellino);

S.M. ALI, Arabic Literary Salons in the Islamic Middle Ages. Poetry, Public Performance, and the Presentation of the Past, Notre Dame, Ind., 2010 (A. Ghersetti);

M. CASSARINO, (ed.), Lo sguardo sull’altro. Lo sguardo dell’altro. L’alterità in testi medievali, Soveria Mannelli 2011 (A Ghersetti);

M. Ruocco, Storia del teatro arabo. Dalla nahdah a oggi, Roma 2010 (A.R. Suriano).

Corpo Eretico (Il)

Autore/i: D’Orazi Maria Pia
Editore: Casadeilibri
contiene il DVD pp. 160, num. ill. colore-b/n, Padova Prezzo: € 26,00

«Tutto il potere della morale civilizzata, mano nella mano col sistema d’economia capitalista e le sue istituzioni politiche, si oppone ferocemente all’uso del corpo semplicemente come fine, mezzo e strumento di piacere.
In una società orientata sulla produzione, l’uso del corpo senza scopo, che io chiamo danza butō, è un nemico mortale che deve essere tabù»
Tatsumi Hijikata (1928-1986)

Tatsumi Hijikata, aspirante danzatore, alla fine degli anni Cinquanta lascia la sua casa di campagna nel profondo Nord e arriva a Tokyo. In una città che rinasce dalle ceneri dell’ultima guerra, elabora uno stile nuovo che chiama ankoku butō – danza delle tenebre – e diventa il punto di riferimento di intellettuali, artisti d’avanguardia e giovani in rivolta contro l’autorità. È osceno e violento, nostalgico e inquietante. È un eretico che lancia un allarme duraturo sulla condizione del corpo nella società dei consumi e della cultura globale. Vissuto all’incrocio fra due mondi, Hijikata utilizza i riferimenti culturali dell’Occidente per criticare il Giappone moderno, mentre formula una filosofia del corpo che attinge ai principi della tradizione giapponese e che si afferma a sua volta come un’aperta critica alla civiltà occidentale.

L’autrice

MARIA PIA D’ORAZI, giornalista. Una passione per l’avanguardia giapponese, ha collaborato con l’Università di Roma “La Sapienza” e con la Japan Foundation (in Italia e Giappone). Fra i suoi libri: Butō. La nuova danza giapponese (E&A Editori Associati, 1997); Kazuo Ōno (L’Epos, 2001); Scusi ma lei è qualcuno? Ferruccio Di Cori, uno psichiatra a teatro (Bulzoni, 2006). Ha lavorato per il Foglio. Attualmente è nella redazione di Otto e Mezzo (La7).

Dea e Dive Legate alla Danza Araba

Passioni nella storia, nel cinema, nei dipinti
Autore/i: Gaeta Rita – Nur
Editore: Terre Sommerse
pp. 272, nn. ill. b/n, Roma Prezzo: € 20,00

Alla scoperta e riscoperta della Danza del Ventre; una ricerca antropologica come inno al Femminile che ha affascinato registi, pittori e poeti suscitando Mille fantasie…
L’autrice, attraverso un viaggio di idee ed immagini, tra danze del passato e nuove tendenze, riscopre la Danza Araba come “cultura e somma” di tutte le forme d’Arte. Amori e Passioni che nel corso dei secoli ci aiutano a progredire.

Visualizza indice

Ringraziamenti Introduzione

1ª PARTE – La Genesi

L’origine di Arte Sacra

La Grande Madre e la Luna

Il mito del Matriarcato

Ishtar: mitologia e leggenda

Iaset o Iside

Dee della Magia in Egitto

Dea Serpente

L’occhio di Horus… caro alle danzatrici

Bes dio della danza

Etnologia e Religione

Religioni contro la Donna e il culto della Dea

Evoluzioni Storiche – La danza dagli albori al futurismo

Expo – Internazionali e gli artisti

2ª PARTE – Gli Stili

Differenze di Stili:

Raqs Sharqi – Raqs Baladi

Saidi – danza con il Bastone

Il Velo svelato

La danza dei 7 Veli

Al Melaya

Danza con Candelabro

Danza con la Sciabola

Danza con Sagat

Danza Marocchina

Dabke

Danza Classica Persiana

Altri accessori

Discordanze …

El Tannura

I Costumi: riferimenti storici e stilistici

Ouled Nail

Bellezza della Donna attraverso i tempi

Usi e costumi delle antiche donne arabe

Donne di potere e il Cinema

Cleopatra

Regina di Saba

Salomè

Teodora da ballerina a Imperatrice

Shahrazàd e le “Mille e una notte”

Mata Hari

Generazioni di Dive

Little Egypt

Loie Fuller

Isadora Duncan

Ruth St. Denise

Martha Graham

Les Etoiles

Naima Akef

Taheya Karioca

Samia Gamal

Souheir Zaki

Fifi Abdou

Reda Troup

Dina

Randa Kamel

Sabah Benziadi

Bellydance Superstars

Shakira

Scontri Politici

Pregiudizio Etnico

4ª PARTE – Teoria e Pratica

Benessere … psico-fisico

Radici nell’ombelico

L’importanza del Perineo

Postura e Grounding

I Piedi

Arti Superiori

Infinito nel Cerchio e Spirali

Definizioni Tecniche

La Respirazione

Il senso della danza o la danza dei sensi?

Fashion Style

Specchi: un’esperienza personale

Sguardo – immancabile presenza

Idee coreografiche per Teatro

5ª PARTE – Musica e Dipinti

Architetture del Corpo

Musica e struttura

Power of Music

Le forme del suono

La Musica delle Sfere

Strumenti Musicali

Struttura dei Ritmi base

L’Opera – Aida

L’influenza nei Dipinti

Gli orientalisti

I quadri di Rita – Nur

Conclusioni: Un manifesto per la Madre terra

Nota biografica dell’Autrice

Appendice: Esame MIDAS

Riferimenti Cinematografici

Siti Web

Riferimenti Bibliografici

Men and Popular Music in Algeria

The social significance of Raï
Autore/i: Shade-Poulsen Marc
Editore: University of Texas Press
pp. 250, Austin – Texas Prezzo: € 24,00

Raï music is often called the voice of the voiceless in Algeria, a society currently swept by tragic conflict. Raï is the voice of algerian men, young men caught between generations and classes, in political strife, and in economic inequality. In a ground-braking study, anthropologist Marc Shade-Poulsen uses this popular music genre as a lens through which he views algerian society, particularly male society. He situates Raï within algerian family life, moral codes, and broader power relations.

Visualizza indice

Acknowledgments

Note on Transliteration

1. Introduction

2. A Story of Raï

3. The Ral Performance and Studio Recording

4. Young Men in the City

5. Listening to Raï

6. Transgressions in Raï: The Weak Side af the Strong

7. The Raï of Love

8. Postscript I

Appendix I: Four Versions of “Ma dannitsh natfarqu”

Appendix 2: Four Raï Songs

Notes

Glossary

Bibliography

lndex

La Magia dell’India

Atmosfere musicali per sitar, tampura, tabla e altri strumenti
Autore/i: Surajit Das; Wesolowski Lucjan
Editore: Xenia
pp. 16 + Cd audio, durata 57 minuti, Milano Prezzo: € 9,90

La musica è un linguaggio universale che influenza tutti i livelli dell’esistenza umana e quella di tradizione indiana è un fiume di note il cui flusso porta altrove, in paesi sconosciuti ricchi di impressioni ed emozioni nuove. Dopo averla ascoltata ci si sente diversi, arricchiti, rinfrescati, centrati. I suoi suoni hanno un grande potere, è estremamente profonda e raffinata, ed è un elemento importante della cultura e della spiritualità di questo popolo: è più volte menzionata nei Veda, i più antichi libri sacri dell’India, ed è parte integrante dell’Ayurveda – scienza olistica indiana che promuove uno stile di vita sano e felice. La sua forza è tale da avere anche indicazioni terapeutiche.

Questo CD è un incontro tra esperienze musicali diverse, un mix di influenze e tradizioni: quelle occidentali e aperte all’oriente di Lucyan e quelle tipicamente indiane di Surajit Das. Questo connubio genera qualcosa di intenso e unico ricreando la magia dell’India ma con strutture e sonorità nuove. Tra i molti strumenti utilizzati nei brani proposti ci sono anche: l’esraj, l’oud, il bouzouki e il sitaradd. Nell’accompagnamento ritmico è presente il tamburo africano “djembe”. Il risultato è un’esperienza di puro piacere che stimola il benessere.

L’Opera di Pechino

Autore/i: Pisu Renata; Tomiyama Haruo
Editore: Arnoldo Mondadori Editore
prefazione di Marcel Marceau. pp. 240, interamente illustrato a colori e b/n, Milano Prezzo: € 22,00

Sul palcoscenico, lo sfondo è un drappo scuro, pochi gli elementi di arredo, due o tre seggiole, un tavolino, qualche sgabello. Ma quando entrano gli attori è un’improvvisa, smagliante esplosione di colori, di imperiose presenze: giallo, blu, rosso nelle tuniche ricamate dalle ampie maniche fluttuanti, caschi ornati di piume luccicanti, armi, stendardi, volti dipinti di vistosissimi e allusivi segni che non lasciano adito a dubbi sui ruoli dei personaggi, buoni cattivi e infinite varianti, sotto specie e sfumature. Attore è termine riduttivo. Su questo palcoscenico, gli attori recitano, cantano, ballano, eseguono, se il copione lo richiede, tripli salti mortali. Creano con la loro arte l’illusione della realtà, evocano personaggi, situazioni, miti. Lo spettacolo è “totale”. Noi lo chiamiamo “opera” con termine che ci rimanda alla nostra composita opera lirica.
Per i cinesi è teatro tout-court, perché mai concepirono, se non in tempi recenti e sotto l’influenza occidentale, altra forma di rappresentazione parziale che non comprendesse, oltre la recitazione, anche il canto, il ballo, la musica, l’acrobazia. Il “teatro della capitale”, noto fuori dal suo paese d’origine come “Opera di Pechino”, nacque alla metà del secolo passato, e le sue intrecciate radici si perdono lontano nel tempo, almeno sei secoli addietro. Ma, in parziale antitesi con la tradizione, è eminentemente teatro d’attore, non d’autore, sancisce la vittoria del palcoscenico sulla letteratura, dell’azione sul testo.
Le eccezionali immagini che corredano il volume, i testi che tracciano la storia dell’arte drammatica cinese, e commentano le sequenze fotografiche delle opere qui presentate, offrono un vasto panorama di questo genere tutto orientale che influenzò Bertolt Brecht e incantò il grande Chaplin, il molto amato Charlot. E, con lui, ogni spettatore sensibile all’enigmatico prodigio del palcoscenico.

Renata Pisu ha studiato dal 1957 al 1961 all’Università di Pechino alla facoltà di Lettere
come borsista del governo della Repubblica Popolare Cinese, dopo essersi diplomata all’Istituto per il Medio e Estremo Oriente di Roma in lingua c cultura cinese. Ha tradotto e curato le edizioni in lingua italiana di numerose opere di autori cinesi contemporanei (Gelide notti di Pa Chin, Sacrificarsi di Lao She, Trentasei poesie di Mao Tse-tung, una antologia di poesia cinese moderna). È autrice inoltre di Le case della rivoluzione cinese (1977) e di numerosi saggi sulla cultura di quel popolo. Svolge attività giornalistica, interessandosi ai problemi della realtà della Cina contemporanea. In Cina, paese cui è legata, come dicono i suoi abitanti, da “vincoli di carne e di sangue”, ha soggiornato per periodi di studio nel 1971 e nel 1974-75.

Haruo Tomiyama nato a Tokio nel 1935, ha lavorato per la sezione fotografica della Asahi Newspaper Co. dal 1963 al 1966. È attualmente libero professionista. Ha realizzato foto per le copertine dci settimanale dell’”Asahi” per un periodo di oltre quattro anni. Ha partecipato alla mostra fotografica della I.C.P. di New York e tenuto mostre personali a Londra, Amsterdam e Venezia. Tra le sue opere fotografiche: Il senso delle parole oggi, premiato dall’Associazione dei fotografi giapponesi; Documenti della rivoluzione umana; Dialogo con le rovine; L’isola di Sado, premio Kodansha 1978; Elegia del Giappone.

Armonie Yoga

Un flusso universale di musica, poesia e filosofia che parla al cuore
Autore/i: Thielemann Selina
Editore: Laksmi
introduzione di Svāminī Ma Uma Śakti Giri, prefazione e introduzione dell’autrice, traduzione a cura del Gītānanda Āśram. pp. 264, ill. b/n, Savona Prezzo: € 18,80

Questo libro offre un approccio alla musica come entità filosofica piuttosto che come fenomeno sonoro. È quindi incentrato sul flusso della musica come energia cosmica, sul suo ruolo e le sue funzioni nel piano creativo universale. I primi capitoli trattano della posizione dialettica della musica e della sua essenza d’infinitezza. I seguenti riguardano la musica in relazione ad altre energie cosmiche, come la devozione, l’amore, la creatività, la bellezza, l’armonia, e ne discutono la dimensione spirituale.
Le argomentazioni teoretiche sono supportate da citazioni poetiche di Rabrindanath Tagore, Nobel nel 1913 per la Letteratura, e dei Bāul del Bengala, una comunità di cantori mistici che vivono la religiosità attraverso la musica.
“… Una volta che la verità è stata realizzata, una volta che la musica si rivela all’uomo nella sua massima dolcezza cosmica, la presenza emergente eclissa nel suo beato splendore tutte le spiegazioni razionali, i resoconti descrittivi.”.

The Gurdjieff Folk Instruments Ensemble

The Gurdjieff Folk Instruments Ensemble

Roma 22 Aprile 2012 ore 20:00
Musiche di Georges I. Gurdjieff
Arrangiamenti per strumenti tradizionali orientali di Levon Eskenian
Musica sacra e di tradizione popolare armena

Chiesa Armena di San Nicola da Tolentino
Salita San Nicola da Tolentino, 17 Roma
Info e Prenotazioni Biglietti: +39 347 8193916

L’Inde et Son Ame

Écrits des grands penseurs de l’Inde contemporaine
Autore/i: AA. VV.
Editore: Publications Chitra
orné de 40 compositions décoratives par Andrée Karpelès, de documents iconographiques et de planches musicales pp. 504, nn. ill. b/n, Paris (France) Prezzo: € 48,00

MESSAGE par M. K. GANDHI

La plus grande contribution que l’lnde puisse apporter à la somme du bonheur humain, c’est de parvenir à sa liberté par des moyens pacifiques et loyaux. Pareille chose arrivera-t-elle jamais, c’est plus qu’on ne peut le dire. En vérité, les apparences contrediraient cette croyance. Néanmoins, ma foi en l’avenir de l’humanité est si grande que je ne peux faire autrement que croire que l’lnde obtiendra sa liberté seulement par des moyens pacifiques et loyaux, et par nuls autres. Puissent donc tous ceux qui partagent ma croyance aider l’lnde à atteindre cette suprême consommation!

Visualizza indice

I. – MESSAGES

M.- K. GANDHI. Message

RABINDRANATH TAGORE. Une université orientale

II. – SCIENCES

SIR JAGADISH CHANDER BOSE. L’unité du mécanisme de la vie

III. – ART

RABINDRANATH TAGORE Le sens de l’art

ABANINDRANATH TAGORE. Moules à shandesh (illustré)

B. HAVELL. Extraits de l’Himalaya dans l’art hindou

IV. – MUSIQUE

RABINDRANATH TAGORE. Quatre chansons Bengalies

ARTHUR GEDDES. La musique hindoue et les chansons de Rabindranath Tagore

ARTHUR GEDDES. Les chansons de Rabindranath Tagore dans ses pleces

V. – LITTÉRATURE

RABINDRANATH TAGORE. Conte

ABANINDRANATH TAGORE. Ouma

SARAT CHANDRA CHATTERJI. Une nuit dans le champ de crémation (Extrait de Srikahta)

SANTA DÉVI. La mariée sans beauté 

VI. – POÉSIE

RABINDRANATH TAGORE. A une petite fille

RABINDRANATH TAGORE. Lucioles

HARINDRANATH CHATTOPADHYAYA. La plainte de l’amoureuse

SAROJINI NAIDU. Six poèmes

AMRITA. Pryambada Dévi

PRIAMBADA DÉVI BANERJJ. Quatre poèmes

VII. – POÈTES MYSTIQUES

ABDUL AZIZ. Un poète indien oublié: Mirza Abdul Kadir Bidil

ANANDA COOMARASWAMY. Le chant d’abeille de Sur Das

TAPANMOHAN CHATTERJI. Les anciens chants mystiques du Bengale

RAMAPRASADA. L’Océan de l’Être

W.- A. DE SILVA. La guirlande des Vérités (Ballade cinghalaise)

VIII. – RELIGION

K. – M. PANIKKAR. Le mouvement religieux dans l’lnde au moyen âge

IX. – PHILOSOPHIE

SUR JOHN WOODROFFE. Qu’est-ce que l’Hindouisme?

RABINDRANATH TAGORE. Pensées sur l’Immortalité

X. – LES FEMMES DE L’INDE

ANINDITA DÉVI CHAKRAVARTY. La femme nouvelle aux Indes.

INDIRA DÉVI CHAUDHURY. Les femmes de l’Inde

MANMATHA NATH DUTT. Mira Bai

SŒUR NIVÉDITA. Savitri, l’Alceste hindoue

SAROJINI NAIDU, poète et femme politique

SARALA DÉVI CHAUDHURI. De la réforme sociale dans l’Inde

SIR JOHN WOODROFFE. De la situation et de l’éducation de la femme aux Indes (Extraits de « Is India Civilized? »)

XI. – ÉTUDES ET BIOGRAPHIES

MAHARSHI DEVENDRANATH TAGORE (1817-1905). Extraits de sa biographie

JAWAHARLAL NEHRU. Quelques souvenirs sur Mahatma Gandhi

C. – F. ANDREWS. Mahatma Gandhi et sa politique économique

ÉDOUARD MONOD HERZEN. L’œuvre de Jagadish Chunder Bose

LA VIE DE SŒUR NIVÉDITA

XII. – FOLKLORE

GURU DAS SARKAR. Une tribu autochtone de l’Inde. Les Santals

SANTOSH C. MAJUMDAR. Chansons Santales

Une Légende Ho. La biche et son fils adoptif

CHANSONS POPULAIRES DU BENGALE

CHANSON POPULAIRE DE GWALIOR

CHANSONS ET MÉLODIES CACHEMIRIENNES

XIII. – PROVERBES

PROVERBES BENGALAIS

PROVERBES CINGHALAIS

XIV. – MISSION ET INFLUENCE DE L’INDE

W. – W. PEARSON. Le rôle de l’lnde dans l’ère nouvelle

SŒUR NIVÉDITA. L’unité profonde de l’lnde

G. – E. MONOD HERZEN. Une influence indo-européenne: la Société théosophique

SIR JOHN WOODROFFE. Opinions de quelques grands penseurs sur la Religion et la Philosophie de l’lnde 

XV. – LETTRES

AMIYA CHAKRAVARTI. Lettre de l’lnde 

L. – K. ELMHIRST. Lettre d’Angleterre

GHETCHEN GREEN. Lettre d’Amérique. 

Slomith FLAUM. Lettre de Palestine.

XVI. – NOTES

ORIGINE DE VISVA-BHARATI.

REVUES HINDOUES.

AVERTISSEMENT DE L’ÉDITEUR

APPENDICE

INDEX

Musica Tradizionale Khmer

Autore/i: Giuriati Giovanni
Editore: Mucchi Editore
pp. 244, ill. b/n, Modena Prezzo: € 40,00

 

Musica tradizionale khmer è la documentazione di una ricerca superlativa sfociata in uno studio equilibrato di una comunità in una fase di transizione, della sua musica, dei suoi valori, usi e funzioni, non solo nella società tradizionale khmer, ma anche in un ambiente straniero. È una testimonianza, nitidamente affrescata, che il mondo delle arti (musica, danza e teatro) è essenziale per l’identità di un popolo, compresi gli adattamenti necessari alla sua sopravvivenza in una cultura straniera, che minaccia di inglobare un piccolo gruppo di rifugiati. In quanto vincitore di un premio internazionale di etnomusicologia, lo studio diventa, con la sua pubblicazione, un modello da emulare. In parte, la sua unicità è dovuta alla convinzione dell’autore nei riguardi dell’ammonimento di Shakespeare: “Costruisci una migliore trappola per topi e il mondo si affollerà alla tua porta”. Vorrei citare numerose difficoltà superate dall’autore essenziali nell’adempiere il consiglio di Shakespeare. 

Molti di noi converranno che sia necessario saper leggere e parlare la lingua di un popolo per conoscerlo. L’autore ha conseguito fluidità in queste capacità e ha proseguito imparando a scrivere nella lingua khmer. Negli anni Trenta, riferendosi alla musica del Sudafrica, Percival B. Kirby sostenne che l’unico modo per conoscere la musica di un altro popolo fosse attraverso la partecipazione, imparando a eseguirla. A partire dal 1954 alcuni di noi hanno seguito il suo consiglio, tra le critiche di coloro che non avevano mai provato. Oggi, tutti gli studi significativi di etnomusicologia si basano sulla premessa di Kirby, partecipazione del ricercatore. L’autore ha costruito in palissandro il proprio roneat ek (xilofono), ha studiato, provato e suonato regolarmente con un complesso musicale khmer di Washington, D.C., partecipando anche a matrimoni e altri riti di passaggio. La sua partecipazione alle discussioni di questioni riguardanti la musica, naturalmente, è stata nella lingua khmer.

Per quanto è nelle mie conoscenze Musica tradizionale khmer costituisce il primo studio in un volume di una cultura musicale asiatica che affronti la pratica musicale nella sua totalità assieme alla funzione tradizionale e contemporanea della musica nella società.

 

Visualizza indice

 

Saluto delle Autorità   

Presentazione di Raffaele Pozzi   

Forward / Prefazione di Ki Mantle Hood   

Premessa   

Nota sulla translitterazione   

PARTE I – LA MUSICA KHMER   

I. La Musica nella cultura cambogiana   

II. Le fonti   

1. Fonti occidentali   

2. Fonti cambogiane   

III. Generi, complessi musicali, repertori   

1. Pinpeat   

2. Mohori   

3. Pinpeat e Mohori   

4. Phleng khmer   

5. Ayai   

6. Le trascrizioni   

IV. Il sistema scalare   

V. Modo   

1. Scala   2. Polarizzazioni di quinta 

3. Incipit, cadenze, formule melodiche 

4. Stati d’animo 

VI. Improvvisazione 

PARTE II – LA MUSICA KHMER NEGLI USA 

VII. La comunità khmer di Washington, D.C. 

1. L’insediamento negli Stati Uniti 

2. La vita quotidiana a Washington, D.C. 

VIII. Musicisti e danzatori khmer a Washington, D.C. 

1. La Khmer Classical Dance Troupe 

2. I musicisti 

IX. Le occasioni 

1. Concerti 

2. Celebrazioni della comunità khmer 

3. Matrimoni 

4. Trasmissioni radiofoniche 

5. Servizi musicali per la comunità khmer 

6. Musica come necessità e musica come identità culturale 

X. Acculturazione e identità 

Appendice I: trascrizioni 

Appendice Il: illustrazioni 

Bibliografia

Discografia 

 

 

La Musica L’Orientalismo L’Oriente

L’immaginario sonoro dell’Occidente e la musica nella cultura arabo-islamica
Autore/i: Leoni Stefano A. E.
Editore: Jouvence
introduzione di Franco Cardini pp. 292, Roma Prezzo: € 24,00

Il volume di Stefano A. E. Leoni, La Musica, l’Orientalismo, l’Oriente un lavoro unico e di grande valore. Anche un osservatore casuale non ha difficoltà a notare il fascino che l’Oriente esercita sulla musica occidentale, e l’orientalismo musicale, a causa della sua presenza travolgente, non è certo sfuggito all’attenzione di coloro che hanno scritto intorno all’orientalismo, ivi compreso Edward Said.

Tuttavia, prima di Leoni, gli esempi di orientalismo musicale tendevano ad essere trattati singolarmente come un fenomeno singolo, senza tentare un grande sforzo di sintesi.

Nella prima parte del libro, Leoni offre finalmente una tanto necessaria visione d’insieme di ciò che l’Oriente ha significato per la musica occidentale. Egli, in maniera estremamente affascinante, ci rivela il ruolo che l’arientalismo ha svolto nel linguaggio modernista. Una fascinazione per il presunto spirito d’Oriente aveva caratterizzato la musica romantica, ma essa si è perpetuata e persino amplificata nello stile anti-romantico del modernismo.

Nella parte II, l’attenzione di Leoni si sposta allo stesso Oriente, proseguendo una tendenza in studi di orientalismo contemporaneo tesa a porre in contrapposizione l’immaginario occidentale del mondo musulmano con l’effettivo stato delle cose in quell’universo culturale. Ancora una volta, l’attenzione è rivolta al contesto assolutamente moderno in cui la tradizione musicale d’Oriente è fiorita durante il XX secolo. Leoni conclude il libro con Umm Kulthum, la figura che riassume più potentemente il ruolo della musica nell’immaginario culturale dell’Egitto e di un mondo arabo, liberazionista, modernamente laico, nazionalista, ma anche profondamente tradizionale.

Visualizza indice

INTRODUZIONE

PRESENTAZIONE

PARTE PRIMA: L’Orientalismo: l’immaginario sonoro dell’Occidente

1. La Musica e l’Orientalismo: un gioco di specchi

2. La costruzione dell’Orientalismo

3. L’immaginario sonoro diventa una macchina produttrice di senso: l’orientalismo maturo

4. Tra Orientalismo e Modernismo

PARTE SECONDA: L’Oriente: la musica nella cultura arabo-islamica

1. Un cenno sulla Storia della Musica Arabo-Islamica

2. Un cenno sulla musica religiosa nel mondo islamico

3. Ars Musica e Musica Practica tra Oriente arabo e Occidente cristiano

4. Le Artes Novae come New mental devices: musicografi in lingua latina e in lingua araba tra musica e scienze matematiche

5. Umm Kulthum: un’icona del modernismo arabo, un mito per la contemporaneità

BIBLIOGRAFIA

Musica Antica e Orientale

Autore/i: AA. VV.
Editore: Feltrinelli
volume I, a cura di Egon Wellesz, traduzione dall’inglese di Giampiero Tintori pp. XVI-588, 12 tavv. a colori e 16 b/n, Milano Prezzo: € 50,00

Dalla musica dei primitivi alla dodecafonia e all’elettronica: entro questi estremi confini è racchiusa la vita dei suoni prodotti dall’uomo e l’esperienza artistica che ne è derivata nelle forme più grossolane e ingenue come in quelle più raffinate e cerebrali. Oggi che la musica non interessa solo i melomani e gli amatori, che pure si fanno sempre più numerosi grazie ai moderni strumenti di diffusione e – riproduzione, ma chiunque abbia a che fare con le scienze umane, etnografi o sociologi, filosofi del linguaggio o uomini di lettere, urbanisti e tecnici, oggi lo studio della storia musicale va rigorosamente condotta a partire dalle varie matrici culturali – da cui l’arte dei suoni fu espressa nel tempo e nello spazio. La storia della musica appare perciò anche come storia di miti e di religioni, di ideologie filosofiche e di tecniche, di vicende nazionali, di situazioni politiche: così essa è stata intesa nella monumentale opera di cui questo è il primo volume.

Rifacendosi a una tradizione illustre, l’Oxford History of Music, un comitato di autorevoli musicologi presieduto da J. A. Westrup, ha pensato di aggiornarne i criteri ricorrendo per ogni tema ai migliori specialisti del mondo, i quali nei loro scritti hanno limitato il tecnicismo, a volte richiesto da certi argomenti, allo stretto necessario.

Ogni volume fa largo posto alle notizie biografiche degli artisti, alla analisi delle forme e tecniche musicali, alla descrizione degli strumenti, e conclude con una ricca rassegna bibliografica.

Il primo volume, il più arduo ma anche il piu originale e “inedito” si articola in undici – saggi che trattano la musica antica e orientale: Marius Schneider si occupa dei primitivi, Laurence Picken dei cinesi e di certi popoli asiatici, Arnold Bake dell’India, George Farmer della Mesopotamia, dell’antico Egitto e dell’Islam, Carl R. Kraeling e Lucetta Mowry della musica nella Bibbia, Eric Werner del giudaismo postbiblico, Isobel Renderson dell’antica Grecia e J. E. Scott della musica romana.

Visualizza indice

Introduzione generale Introduzione al primo volume

I. La musica primitiva di Marius Schneider

Musicologia comparata

Melodia e umanità

L’origine della musica

La musica totemica

Cultura e razza

Formazione delle scale Struttura dell’ ambito: melodico Origine della polifonia Variazione e tipi di melodie Sviluppo storico

Musica e linguaggio “Linguaggio” strumentale

Gli strumenti musicali Repertorio

L’importanza del musicista Cultura spirituale

Esempi musicali

II. La musica dell’ Estremo Oriente asiatico

I. Cina di Laurence-Picken

Introduzione

Preistoria e etnologia dell’ Estremo Oriente Il ruolo della musica nella civiltà cinese

Gli strumenti musicali cinesi

Storia della teoria e della notazione Storia della musica

L’eterofonia strumentale cinese

La struttura della musica strumentale cinese Una melodia di tsyr

L’opera

Canto popolare

La musica buddista

Appendice del traduttore al secondo capitolo

III. La musica dell’ Estremo Oriente asiatico

2. Altri paesi di Laurence Picken

Mongolia

Shinjiang (Turkestan cinese) Tibet

Corea

Giappone

Miao

Lolo e Minkia Naga

Annam Cambogia

Siam (Tailandia) Birmania

Giava, Sumatra e Nias Bali

Le altre isole dell’ arcipelago indiano

Relazioni culturali

Glossario dei caratteri cinesi

IV. La musica dell’ India di Arnold Bake

Introduzione

Importanza culturale e filosofica La musica vedica

Il sistema classico

Strumenti classici

Sviluppi moderni

V. La musica dell’antica Mesopotamia di Henry George Fanner

Introduzione

L’elemento primitivo nella musica

La musica dei templi

Musica profana

Strumenti musicali

La teoria e la pratica musicale

Notazione

L’eredità

VI. La musica dell’ antico Egitto di Henry George Farmer

Introduzione

Le vestigia musicali primitive

Musica religiosa

Musica profana

Strumenti musicali

Pratica e teoria musicale

L’eredità

VII. La musica nella Bibbia di Carl H. Kraeling e Lucetta Mowry

Limitazioni dell’informazione biblica Il periodo nomade

Il primitivo periodo palestinese Il periodo monarchico

La musica del Tempio

I profeti e la musica

Musica profana

Metri lirici

Strumenti

Dopo la cattività Periodo greco-romano

Le zifficiature della Sinagoga

La musica del Nuovo Testamento La Chiesa fuori della Palestina Inizi dell’antifonia cristiana

Gli inni gnostici

VIII. La musica del giudaismo postbiblico di Eric Werner

Introduzione

Continuità della tradizione ebraica Recitazione intonata della Scrittura Toni salmodici

Autonomia melodica

I modi della musica della Sinagoga

L’influsso della poesia sullo sviluppo della musica della Sinagoga

La musica degli ebrei italiani

La musica degli ebrei dell’ Europa centrale La musica degli ebrei dell’ Europa orientale

Decadenza della musica della Sinagoga prima dell’era dell’emancipazione

IX. L’antica musica greca di Isobel Henderson

La tradizione musicale dell’ antichità Le tradizioni della scienza armonica Grammatica e sintassi

I tonoi

Le notazioni

I documenti musicali superstiti Storia della musica greca

X. La musica romana di J. E. Scott

Introduzione Gli strumenti

Condizione sociale dei musicisti La musica militare

La musica nella vita quotidiana La musica teatrale

Concerti e virtuosi

I dilettanti imperiali L’insegnamento della musica

XI. La musica dell’ Islam di Henry George Farmer

La civiltà islamica Le premesse culturali

L’origine della musica islamica La musica profana

La musica religiosa

Gli strumenti musicali

L’arte pratica

La teoria musicale L’influsso

Bibliografia Indice analitico

Indice delle illustrazioni