The Training of the Zen Buddhist Monk

Autore/i: Suzuki Daisetz Taitaro
Editore: University Books
illustrated by Zenchu Sato. pp. 164, nn. tavv. e ill. b/n, New York Prezzo: € 28,00

Preface:
For those who have not read my previous works on Zen BuddhismI it may be necessary to say a few words about what Zen is.
Zen (ch’an in Chinese) is the Japanese word for Sanskrit dhyana, which is usually translated in English by such terms as meditation, contemplation, tranquillisation, concentration of mind, etc. Buddhism offers for its followers a triple form of discipline: ’Sila (morality), Dhyana (meditation), and Prajña (intuitive knowledge). Of these, the Dhyana achieved a special development in China when Buddhism passed through the crucible of Chinese psychology. As the result, we can say thatZen has become practically the Chinese modusoperandiof Buddhism, especially for the intelligentsia. The philosophy of Zen is, of course, that of Buddhism, especially of the Prajnaparamita highly coloured with the mysticism of the Avatamsaka. As Zen is a discipline and not a philosophy, it directly deals with life; and this is where Zen has developed its most characteristic features. It may be described as a form of mysticism, but the way it handles its experience is altogether unique. Hence the special designation Zen Buddhism.
The beginning of Zen in China is traditionally ascribed to the coming of Bodhidhanna (Bodai Daruma) from Southem India in the year 520. It took, however, about one hundred and fifty years before Zen was acclimatised as the product of the Chinese genius; for it was about the time of Hui-nêng (Yeno) and his followers that what i now known as Zen took definite shape lo be distinguished from the Indian type of Buddhist mysticism. What are then the specific features of Zen, which have gradually emerged in the history of Buddhist thought in China?
Zen means, as I have said, Dhyana, but in the course of its development in China it has come to identify itself more with Prajña (hannya) than with Dhyana (zenjo). Prajña is intuitive knowledge as well as intuitive power itself. The power grows out of Dhyana, but Dhyana in itself does not constitute Prajña, and what Zen aims to realise is Prajña and not Dhyana. Zen tells us to grasp the truth of Sunyata, Absolute Emptiness, and this without the mediacy of the intellect or logic. It is to be done by intuition or immediate perception. Hui-nêng and Shên-hui (Jinne) emphasised this aspect of Zen, calling it the abrupt teaching in contrast lo the gradual teaching which emphasises Dhyana rather than Prajña. Zen, therefore, practically means the living of the Prajñaparamita.
The teaching of the Prajñaparamita is no other than the doctrine of Sunyata, and this is lo be briefly explained. ’Sunyata which is here translated emptiness does not mean nothingness or vacuity or contentlessness. It has an absolute sense and refuses lo be expressed in terms of relativity and of formal logic. It is expressible only in terms of contradiction. Il cannot be grasped by means of concepts. The only way lo understand it is lo experience it in oneself. In this respect, therefore, the tenn ’sunyata belongs more lo psychology than to anything else, especially as it is treated in Zen Buddhism. When the masters declare: Turo south and look at the polar star; The bridge flows but the water does not; The willow-leaves are not green, the flowers are not red; etc., they are speaking in terms of their inner experience, and by this inner experience is meant the one which comes to us when mind and body dissolve, and by which all our ordinary ways of looking at the so-called world undergo some fundamental transformation. Naturally, statements issuing out of this sort of experience are full of contradictions and even appear altogether nonsensical. This is inevitable, but Zen finds its peculiar mission here.
What Indian Mahayana sutras state in abstract terms Zen does in concrete terms. Therefore, concrete individual images abound in Zen; in other words, Zen makes use, lo a great extent, of poetical expressions; Zen is wedded to poetry.
In the beginning of Zen history, there was no specified method of studying Zen. Those who wished lo understand it carne lo the master, but the latter had no stereotyped instruction lo give, for this was impossible in the nature of things. He simply expressed in his own way either by gestures or in words his disapproval of whatever view his disciples might present lo him, until he was fully satisfied with them. His dealing with his disciples was quite unique in the annals of spiritual exercises. He struck them with a stick, slapped them in the face, kicked them down lo the ground; he gave an incoherent ejaculation, he laughed at them, made sometimes scornful, sometimes satirical, sometimes even abusive remarks, which will surely stagger those who are not used lo the ways of a Zen master. This was not due to the irascible character of particular masters; it rather carne out of the peculiar nature of the Zen experience, which, with aIl the means verbaI and gesticulatory at his command, the master endeavours to communicate to his truth-seeking disciples. It was no easy task for them lo understand this sort of communication. The point was, however, not to understand what carne lo them from the outside, but to awaken what lies within themselves. The master could not do anything further than indicate the way lo il. In consequence of aIl this, there were not many who could readily grasp the teaching of Zen.

This difficulty, though inherent in the nature of Zen, was relieved a great deal by the development of the koan exercise in the eleventh century. This exercise has now become the special feature of Zen in Japan. Koan, literally meaning official document, is a kind of problem given lo Zen students for solution, which leads to the realisation of the truth of Zen. The koans are principally taken from the old masters’ utterances. Now with a koan before the mind, the student knows where to fu his attention and lo find the way to a realisation. Before this, he had to grope a!together in the dark, not knowing where to lay his hand in his search of a light.

The koan exercise is no doubt a great help lo the understanding of Zen, but at the same time it is liable to lower the spiritual quality of the students who come to study Zen. Systematisation in one sense means popularisation, for things become easier lo comprehend by being put in order. But this democratic diffusion tends to kill the chance for originality and creativeness, and these are the characteristics of the religious genius. System does not permit irregularities, they are generally excluded from it. But in Zen these irregular leapings are the thing most needed, although the koan exercise is a very flexible system and by the judicious use of it the master is able lo educate his students in full accordance with the real spirit of Zen.
Zen came to Japan in the thirteenth century when the Kamakura government under the Hojo family was having its heyday. Il was atonce embraced by the military class. Being direct and not requiring much learning, it was the very thing for the Hojo warriors. Japanese culture under the Hojo regime is noted for its austere simplicity, and for its vigorous creativeness, especially in religious thought: great Buddhist leaders were produced, who founded new schools of Buddhism; most Zen monasteries of the first importance were established; and the rise of Bushido the Warrior’s Wayis coincident with the spread of Zen among the warrior class. The art of fencing too owes a great deal lo the teaching of Zen, for it is deeply imbued with its mystic spirit. That the Japanese sword is lo be used with both hands and that the Japanese warrior never carries a shield, always bending on attack, show how well the samurai appreciates the practice of Zen, in which the idea of going-straight-ahead-nessI is strongly emphasised.
Zen has had far more in Japan than in China to do with the moulding of the character of her people and the development of her culture. That is perhaps one of the reasons why Zen is still a living spiritual force in Japan, while in China it has almost ceased to be so. The Zendo (Meditation Hall) in Japan is visited by youths of character and intelligence, and that Zen tradition is very much a living fact is shown by the sale of books on Zen. Many devoted followers of Zen can be found among business men, statesmen, and other people of social importance. The Zendo is thus by no means an institution exclusively meant for the monks.
There are at present over twenty such institutions in Japan which belong lo the Rinzai branch of Zen. In the Soto branch too there must be many, of which, however, I am not so well informed, and what is described in the following pages is principally applicable lo the Rinzai. While both the Rimai and the Soto belong lo Zen, they have been differentiated from each other in the course of their history in China, but much more emphatically in Japan.
Il is impossible, as I maintain, in the study of the Orient, especially in the study of Japanese character and culture, to neglect much less to ignore the influence of Zen. Zen ought lo be studied not only in its theoretical aspect as a unique product of the Oriental mind, but in its practical aspect as is lo be seen in the Zendo life. This is the chief motive for my writing this book, which is fully illustrated by Reverend Zenchu Sato, of Tokeiji, Kamakura.
He is not a professional painter, but being one of those who have gone through all the disciplinary measures pertaining to the Zendo life, he is thoroughly imbued with its spirit, and what he has depicted here is the record of his own experience.
I have added many Zen interviews or dialogues or stories of the ancient masters culled somewhat at random from a work entitled Zen-rin Rui-shu in twenty fascicules. It is quite a handy book,givingZen stories under classified headings; unfortunately, it is now a rare book.

DAISETZ TEITARO SUZUKI KAMAKURA, JANUARY, 1934

Essais sur le Bouddhisme Zen

Autore/i: Suzuki Daisetz Taitaro
Editore: Adrien-Maisonneuve
première édition, traduction (vol. 3-4) de René Daumal, traduction (vol. 2) de Pierre Sauvageot et René Daumal, traduction (vol. 1) de Pierre Sauvageot. prèface de Jacques Bacot. vol. 1 pp. 348, vol. 2 pp. 248, vol. 3 pp. 288, vol. 4 pp. 192, Paris Prezzo: € 50,00

“Les périodes de violence et de troubles ont toujours suscité, comme par une sorte de réaction et de compensation, des foyers isolés de spiritualité intense. Dans le passé, les saints furent bien souvent la contrepartie de la barbarie. Beaucoup furent le fruit de grandes persécutions. Le sombre fond sur lequel ils brillent et leur éclat, feraient sans doute, fondus ensemble, une moyenne de couleur équivalente à la grisaille uniforme des périodes heureuses. C’est pourquoi, aujourd’hui, il ne faut pas désespérer. Et c’est pourquoi aussi, visiblement, depuis la dernière guerre, les différentes mystiques préoccupent tellement les esprits. Les Essais de M. Daisetz Teitaro Suzuki, professeur de Bouddhisme Zen à Kyoto, essais don t M. Pierre Sauvageot se propose de traduire la collection, sont une manifestation japonaise typique qui a sa place naturelle au. milieu du tumulte extrêmeoriental.
J’appelle l’attention sur celte circonstance exceptionnelle d’un enseignement écrit dans une langue européenne, par un maître bouddhiste, armé de la[…]“

Teoria e Pratica dello Zen

Autore/i: Thich Thien-An
Editore: Ubaldini Editore
pp. 132, Roma Prezzo: € 12,00

Questo libro presenta i due aspetti dinamici dello Zen: la sua filosofia e il suo modo di vita. Per guidare il lettore verso una migliore e più ampia comprensione, Thich Thien-An, monaco vietnamita, risale alle origini storiche dello Zen, esaminandole all’interno del contesto più generale del pensiero buddhista e quindi concentrandosi sull’unione fra teoria e pratica, meditazione e azione, saggezza e compassione.

Se per il principiante Teoria e pratica dello Zen rappresenta un’introduzione concisa e coerente ai fondamenti della teoria e della tecnica dello Zen, per lo studioso, la semplicità e la chiarezza del libro contribuiranno a sciogliere quell’alone di mistero che circonda molte delle interpretazioni dello Zen e approfondiranno la comprensione dello Zen nella vita quotidiana. Ognuno dei quattordici capitoli di cui il libro si compone descrive appieno una specifica pratica meditativa, dalle tecniche relativamente semplici a quelle più complesse come vengono insegnate dalle varie tradizioni del Buddhismo Zen.

Visualizza indice

Prefazione

Introduzione

1. Il Buddha e le origini dello Zen

2. Bodhidharma: il patriarca dell’Occidente

3. La meditazione attiva di Hui-Neng

4. Tre elementi essenziali della pratica Zen

5. La teoria del Karma e il Buddhismo Zen

6. La via dell’azione

7. L’autoriflessione nel Buddhismo Zen

8. Mu

9. Le tre mete dello Zen

10. Il Non-Attaccamento

11. Ogni giorno è un buon giorno

12. Auto-potere e altrui-potere

13. Il proprio sé e gli altri

14. Parole e azioni

Appendice A: La questione dell’anima nel Buddhismo

Appendice B: Il canto dello Zazen

Glossario

Lo Zen Soto e i Koan

La Via della presenza di spirito
Autore/i: Girolami Dario Doshin
Editore: La Parola
introduzione dell’autore. pp. 234-IV, Roma Prezzo: € 20,00

Questo è un libro di domande, non di risposte. I maestri zen, infatti, pongono le domande giuste, perché sono le domande a essere piene di vita, piene di possibilità. Nella tradizione Zen Soto si utilizzano i koan, antiche storie di illuminazione, per individuare le domande che bisogna porsi per investigare nella giusta direzione. Ecco perché in questo libro troverete – a commento dei koan, e secondo lo stile Soto Zen – tante domande e non certo le soluzioni ai koan. Venti storie zen, venti storie di illuminazione, senza tempo. Anche se i protagonisti sono vissuti nell’India dell’epoca del Buddha, nell’Antica Cina o nel Giappone medievale, ciò che hanno realizzato travalica i confini di spazio e tempo. Era valido allora in Oriente ed è valido oggi in Occidente.
Il libro non presenta solamente un commento ai koan ma anche una guida alla pratica meditativa zen, che consente di ritrovare la pienezza dell’esistenza.
Lo Zen è infatti la vita, la nostra vita.

Dario Doshin Girolami, maestro zen della scuola Soto, ha ricevuto la Trasmissione del Dharma da Eijun Roshi Linda Cutts, badessa del San Francisco Zen Center – fondato da Shunryu Suzuki Roshi. Si è laureato in Religioni e Filosofie dell’India e dell’Estremo Oriente con Corrado Pensa all’Università La Sapienza di Roma. Ha fondato il Centro Zen L’Arco di Roma, dove insegna Zen e Tai chi chuan. Già professore a contratto di Zen presso la John Cabot University di Roma, tiene regolari seminari presso la facoltà di Psicologia dell’Università La Sapienza di Roma, e tiene, inoltre, regolari corsi di meditazione presso la Casa di Reclusione di Rebibbia di Roma.

Meditazione Guidata di Nutri i Tuoi Demoni

La pratica Chöd per risolvere i conflitti interiori
Autore/i: Allione Tsultrim
Editore: Psiche 2
testo a cura di Luciana Percovich, traduzione di Monica Smith. pp. 104 + Cd audio in allegato durata 32 minuti, Torino Prezzo: € 22,00

Nel CD audio allegato a questo libro troverete La Pratica Chöd di Nutri i tuoi Demoni.
Lama Tsultrim Allione fa conoscere al mondo occidentale una pratica sviluppata a partire dagli insegnamenti di una delle grandi maestre tibetane, Machig Labdrön, fornendo un metodo efficace per affrontare i nemici interiori, come la depressione, l’odio verso se stessi, l’ansia, i problemi relazionali, le dipendenze e tutti gli stati emozionali che stravolgono la vita quotidiana, rappresentati come demoni.
Lama Tsultrim Allione insegna una pratica accessibile e potente al tempo stesso, guidandoci attraverso questa meditazione, composta da cinque fasi.
I demoni non sono un “concetto buddista”, sono le nostre difficoltà, gli eventi e i fatti che accadono nella vita.
L’insegnamento di Machig Labdrön è quello di nutrire, e non di combattere, i nostri demoni, così che l’energia che è bloccata, intrappolata nel nostro demone, diventi nostra alleata, ed il demone il nostro protettore.

Gesto di Equilibrio

Guida alla consapevolezza, alla salute interiore e alla meditazione
Autore/i: Tulku Tarthang
Editore: Ubaldini Editore
prefazione di Herbert V. Guenther, introduzione dell’autore, traduzione di Augusto Menzio. pp. 144, Roma Prezzo: € 11,00

Composto di scritti abbastanza insoliti per la nostra mentalità occidentale, questo libro ci stimola a sperimentare direttamente la nostra natura al fine di scoprire in essa nuovi e sorprendenti modi di vivere una vita piena e degna di essere vissuta. Con essenzialità e linearità, Tarthang Tulku spiega che la maggior parte dei nostri problemi è creata da sottilissimi atteggiamenti mentali: sensi di smarrimento, di separazione e di mancanza di scopo, che mettono costantemente a dura prova le nostre energie di vita. Uno dei metodi più efficaci per superare quest’ansia e per ridarci la salute interiore è la meditazione: con essa impariamo a esaminare la nostra mente e il nostro cuore, a sviluppare sentimenti caldi, positivi, e a raggiungere – al di là delle parole e dei concetti – un più sensibile livello di consapevolezza interiore. L’espressione naturale di questa consapevolezza meditativa è ’equilibrio’: equilibrio tra il nostro corpo e la nostra mente, tra noi e il mondo.

Kensho

Il cuore dello Zen
Autore/i: Cleary Thomas
Editore: Edizioni Mediterranee
introduzione dell’autore, nota e traduzione dall’inglese di Renato Aprea. pp. 176, Roma Prezzo: € 13,50

Il Kensho è lo sguardo che trasforma e rivela la vera natura di tutte le cose. Nella pratica dello Zen, il Kensho è un’esperienza tanto cruciale da essere paragonata al ritrovamento di un inesauribile tesoro che rivela le potenzialità, esistenti in ogni momento, per raggiungere la consapevolezza pura, libera dalle proiezioni dell’ego. Tra le opere Zen tradizionali vi sono un certo numero di importanti testi incentrati sulle profonde sottigliezze di questo essenziale risveglio Zen e sui metodi utilizzati per la sua realizzazione. I brani scelti da Cleary sono estratti da: La retta spiegazione della vera mente, del Maestro Zen coreano Chinul (1158-1210), concernente l’equilibrio necessario per comprendere il Kensho collegandolo ai più vasti insegnamenti delle scritture e dei trattati buddhisti. Numerose opere del Maestro Zen giapponese Hakuin (1686-1769), i cui insegnamenti svelano le tecniche usate nel perfezionamento e nell’applicazione del Kensho, e l’importanza di superare questa stessa esperienza per applicare la visione interiore Zen a tutto l’agire umano. Il libro della tranquillità, una raccolta di koan cinesi dei secoli XII e XIII, con chiose che dimostrano la dimensione concreta di tale classica pratica. Ogni brano è corredato da un’ampia nota introduttiva e da un dettagliato commento del traduttore che aiutano il lettore a capire il vero significato di questa fondamentale esperienza Zen.

Thomas Cleary si è laureato all’Università di Harvard in Lingue e civiltà dell’Asia orientale e attualmente insegna a San Francisco, al California Institute of Integral Studies. Ha tradotto e curato una cinquantina di classici cinesi, tra cui i famosissimi L’arte della guerra, La raccolta della roccia blu, II segreto del fiore d’oro e Lo Zen nell’arte dell’illuminazione.

Vuoto/Pieno

Il bue e il suo pastore: una storia zen dall’antica Cina
Autore/i: Anonimo
Editore: Laterza
commento del maestro Daizohkutsu R. Ohtsu, edizione italiana a cura di Vittorio Tamaro, con uno scritto di Shizuteru Ueda, postfazione di Hartmut Buchner, illustrazioni giapponesi del XV secolo. pp. XXXVIII-122, ill. b/n, Bari Prezzo: € 16,00

«In tutte le cose che vediamo è nascosto un fiore; in qualunque cosa su cui riflettiamo è celata la luna. […] Bisogna abbandonare la barbarie […] e assecondare il ritmo del cosmo».

La distanza abissale che ci separa da tale assecondare ci induce a seguire l’itinerario del bue e del pastore, l’itinerario della pienezza nella spoliazione, in una meditazione non distratta né solo edificante. Può essere d’altronde che proprio tale distanza sia l’occasione propizia perché quel che lì si mostra ci raggiunga in un vero concernimento. Quelle tradizioni ripetono che solo nell’erramento c’è risveglio. (Vittorio Tamaro)

Un pastore è «alla ricerca del bue (cioè del proprio cuore e della natura originaria di ogni uomo) e arriva così a un’imponente montagna. Per prima cosa, scopre le tracce del bue, quindi lo scorge da dietro. Lo cattura, lo doma e infine lo riporta a casa. Il pastore poi dimentica il suo bue e anche il suo proprio sé. Quando tutto è obliato, egli irrompe di colpo nella dimensione dell’assenza di sé. Nell’ultima stazione il pastore ritorna di nuovo nel mondo e vive attivamente per la strada in mezzo alla moltitudine umana, egli cioè, con cuore aperto, fa regnare attraverso la sua vita la verità del Buddha, nel mondo e dinanzi al mondo, in modo reale e vivo.
Nella prima stazione viene dunque mostrata la determinazione iniziale dello studente. Le stazioni successive fino alla sesta illustrano lo stato in cui si trova l’animo dello studente, il modo come questi si esercita e tempra con assoluta diligenza. Ma nella settima e ottava stazione, quando si deve entrare nell’autentica esperienza religiosa, lo studente deve congedarsi interamente da ogni parola, da ogni linguaggio e dal pensiero. Lì accade una consacrazione in cui l’uomo si appropria del suo proprio cuore, della sua natura originaria. Mai riuscirà l’uomo ad entrare in questa dimensione attraverso semplici teorie.
Gli studenti che si sono risolutamente aperti allo Zen devono avere un’unica meta. Le dieci figure del bue indicano questa meta in modo plastico, chiaro e nel giusto ordine. Esse sono un buon filo conduttore. Ma, per quanto lo Zen possa essere abilmente spiegato, nessuna spiegazione tuttavia potrà mai diventare lo Zen. Lo Zen è sempre e interamente un mondo di testimonianza reale». (Daizohkutsu R. Ohtsu)

Visualizza indice

Introduzione all’edizione italiana.
Fiorire del silenzio
di Vittorio Tamaro
il bue e il suo pastore
Antica prefazione cinese di Tsi-yüan, p. 2
I. La ricerca del bue, p. 4 – II. La scoperta delle tracce del bue, p. 6 – III.
La scoperta del bue, p. 8 – IV. La cattura del bue, p. 10 – V. La domazione del bue, p. 12 – VI
Il ritorno a casa sul dorso del bue, p. 14 – VII. Il
bue è dimenticato, resta solo il pastore, p. 16 – VIII. Il perfetto oblio di
bue e pastore, p. 18 – IX. Ritornato al fondamento e all’origine, p. 20 – X.
L’ingresso nel mercato a mani aperte, p. 22
Chiarimenti e osservazioni di Daizohkutsu R. Ohtsu
Introduzione, p. 26 – Sulla prefazione di Tsi-yüan, p. 29 – Sulle dieci
stazioni, p. 34 – Conclusione, p. 77
Postfazione all’edizione tedesca di Hartmut Buchner
Appendice.
Vuoto e pieno. «Shûnyatâ» nel buddhismo mahâyâna di Shizuteru Ueda

La Via Dinamica della Meditazione

La guarigione dal dolore e dalla sofferenza mediante le tecniche meditative vipassana
Autore/i: Dhiravamsa
Editore: Ubaldini Editore
pp. 128, Roma Prezzo: € 10,00

Dhiravamsa è uno di quei rari maestri orientali che non sono venuti in Occidente per vendere esotismo e panacee, ma per imparare. Per imparare, beninteso, quali elementi dell’esperienza orientale restino validi, e quindi siano trasferibili, in Occidente, e in quali linee di pensiero e di pratica occidentali quegli elementi si siano già manifestati.

Il Buddhismo theravada è una delle più antiche tradizioni buddhiste orientali, e, come anche le più recenti (dallo Zen al Vajrayana, ecc.), è profondamente fusa e intrecciata con la cultura nella quale si è preservata, e cioè quella di Ceylon, della Thailandia, della Birmania e della Cambogia. Dhiravamsa si è assunto il compito di ripensare il nucleo di verità che portava con sé dall’Oriente, allo scopo di depurarlo di tutte le sovrastrutture e incrostazioni culturali di origine e di riversarlo nella cultura occidentale, appoggiandosi a quei canali che, in Europa e negli Stati Uniti, avevano già autonomamente iniziato a lavorare nella medesima direzione.

È così che uno degli elementi centrali della concezione theravada, la tecnica di meditazione vipassana, cioè la tecnica dell’insight, emerge in questo libro con aspetti ed accenti che richiamano, non a caso, una folla di nomi e di tecniche prettamente occidentali, e in primo luogo Reich e l’orgonomia, Perls e la terapia gestaltica, ma anche tutte le terapie espressive e le terapie catartiche che la recente psicologia occidentale ha scoperto e ampiamente praticato.

Tuttavia, le svariate tecniche della meditazione vipassana e le loro applicazioni, come sono presentate da Dhiravamsa, mantengono un’originalità, una semplicità e una forza dirompenti, anche se sono descritte con spirito sostanzialmente sistematico, in un breve testo concepito come un manuale pratico di addestramento alla consapevolezza, che insegni d liberare l’energia meditativa in un processo di purificazione mentale e spirituale.

Vivi nella Bellezza

L’incertezza, il cambiamento, la felicità
Autore/i: Chodron Pema
Editore: Urra
a cura di Joan Duncan Oliver, traduzione di Silvia Nerini pp. VI-134, Milano Prezzo: € 13,00

1. Non arrecare danno
2. Prendersi cura degli altri
3. Accettare il mondo così come è

I Tre Impegni, gli ingredienti essenziali della ricetta per la vera felicità.

Viviamo in tempi difficili. A volte la vita sembra un fiume turbolento e impetuoso che minaccia di sommergerci e distruggere il mondo. Perché allora non dovremmo aggrapparci alla certezza della riva, ai nostri schemi consueti e alle nostre abitudini? Come ci insegna Pema Chödrön, quell’attaccamento basato sulla paura ci impedisce di fare l’esperienza molto più soddisfacente del sentirci pienamente vivi. Di vivere nella bellezza, appunto.
Gli insegnamenti presentati in questo libro – i Tre Impegni – forniscono a chiunque, a prescindere dalla propria appartenenza religiosa, un patrimonio di saggezza per imparare a entrare nel fiume della vita nel modo giusto, restando pienamente e coraggiosamente presenti anche nei momenti più duri e nelle situazioni più difficili.
Una volta appreso a farlo, dopo aver abbandonato i nostri schemi protettivi, cominceremo non solo a vedere quanto sia meglio vivere in questo modo, ma anche ad accorgerci di andare incontro agli altri con naturalezza ed efficacia, prendendocene cura e aiutandoli.

La Dottrina Zen di Huang Po sulla Trasmissione della Mente

Autore/i: Blofeld John
Editore: Ubaldini Editore
traduzione italiana di Patrizia Nicoli pp. 108, Roma Prezzo: € 14,00

“Non potete usare la Mente per cercare la Mente, il Buddha per cercare il Buddha, o il Dharma per cercare il Dharma… Ogni processo mentale deve condurre in errore. Vi è soltanto una trasmissione della Mente con la Mente”.

Questo libro, traduzione completa di un testo buddhista cinese del nono secolo, lo Huang Po Ch’uan Hsin Fa Yao, raccoglie i sublimi insegnamenti di un grande Maestro dello Zen cinese. Si tratta di un testo storico, derivato dall’insegnamento diretto del Maestro Huang Po, fondamentale per la comprensione dello Zen nella sua essenza originale e una delle opere chiave dell’insegnamento zen.

Huang Po, noto anche col nome di Hsi Yun, morto intorno all’anno 850 d.C., è considerato il fondatore della grande setta Li Chi. Visse sotto il Picco dell’Avvoltoio, sul monte Huang Po, nel distretto di Kao An. Come per molti maestri zen, il suo insegnamento si componeva essenzialmente di parabole che venivano trasmesse in forma di dialoghi – molti dei quali avevano luogo in assemblee pubbliche, generalmente alla presenza di centinaia di seguaci del Maestro – sermoni e aneddoti. Huang Po paragonava la mente al sole, la cui luce non è contaminata, nel suo viaggio attraverso il cielo, dalla minima particella di polvere. Per coloro che hanno scoperto la natura della Realtà – diceva – più nulla è nuovo o vecchio, i concetti divengono privi di significato e la ragione conduce all’errore.

La Voce della Valle

L’insegnamento di un maestro zen
Autore/i: Deshimaru Taisen
Editore: Ubaldini Editore
pp. 174, Roma Prezzo: € 15,00

Lo Zen è, paradossalmente, una delle pratiche più in voga, e, al tempo stesso, una disciplina ancora mal conosciuta dal grande pubblico. Zazen, cioè la meditazione seduti, permette a chiunque di ritrovare la propria natura originale, la propria autentica personalità, e di cogliere direttamente la realtà nella sua verità. Questo metodo radicale, di una semplicità a volte sconcertante, e di un’esigenza sempre rigorosa, ci è stato trasmesso da una discendenza di Patriarchi e di Maestri che hanno compreso e incarnato lo spirito del Buddha storico. Lo Zen vive ora in Occidente, dove si espande fra un numero sempre crescente di cercatori di verità, quali che siano il loro credo o la loro cultura.

Questo libro è la trascrizione fedele dei kusen (insegnamenti orali) che un Maestro della Trasmissione contemporaneo ha dato durante più di un mese di ritiro in montagna, in Val d’Isère. È la prima volta che gli insegnamenti non vengono isolati dal contesto nel quale vengono dati, cioè durante la pratica di Zazen. Come avverte il curatore americano del volume, «Escludere il contesto dal testo, come è praticamente il caso della maggior parte delle opere zen esistenti, induce il lettore, profano o informato, a credere che ciò che conviene fare per ottenere la saggezza dello Zen è di riunirsi per ascoltare i discorsi di autentici maestri zen. I testi classici dei maestri, nella loro assenza di contesto, danno al lettore di oggi l’impressione di essere stati trascritti non a partire dall’insegnamento orale dispensato durante zazen, ma a partire da conferenze di tipo universitario, oppure da discorsi destinati a una élite di letterati alla ricerca della Via, o ancora, in bizzarri scambi verbali tra maestri».

Saggezza e Compassione

L’unione dello Dzogchen e della Bodhicitta
Autore/i: Rinpoche Anyen
Editore: Amrita
introduzione dell’autore, edizione italiana e note a cura di Daniela Muggia, traduzione di Stefano Cozzi e Daniela Muggia. pp. 276, ill b/n, Torino Prezzo: € 19,00

Lo Dzogchen è il corpus di insegnamenti più elevati, più segreti e meglio custoditi del buddhismo tibetano. Gli occidentali, abbagliati dal mito che lo descrive come una via rapida e senza sforzo per l’Illuminazione, finiscono per averne una visione parziale, che diventa un ostacolo al conseguimento dell’ambito risultato.
Anyen Rinpoche si è accorto di questa dinamica e ci aiuta a “correggere la rotta”, restituendoci una visione olistica dello Dzogchen che è sempre stata insita nel corpus originale e negli insegnamenti della scuola antica, o Nyingmapa. Lo fa dimostrando che il risultato non è conseguibile se ci si dimentica che la Visione dello Dzogchen è indissolubilmente legata alla Bodhicitta, ossia allo spirito intuitivo, compassionevole e diligente dei bodhisattva. Nel citare alcuni dei grandi yogi dzogchen del passato che furono i custodi di questa visione olistica, Anyen Rinpoche ce ne insegna lo stile di contemplazione, ce ne restituisce appieno l’approccio.

La Voce della Valle

L’insegnamento di un maestro zen
Autore/i: Deshimaru Taisen
Editore: Ubaldini Editore
pp. 174, Roma Prezzo: € 15,00

Lo Zen è, paradossalmente, una delle pratiche più in voga, e, al tempo stesso, una disciplina ancora mal conosciuta dal grande pubblico. Zazen, cioè la meditazione seduti, permette a chiunque di ritrovare la propria natura originale, la propria autentica personalità, e di cogliere direttamente la realtà nella sua verità. Questo metodo radicale, di una semplicità a volte sconcertante, e di un’esigenza sempre rigorosa, ci è stato trasmesso da una discendenza di Patriarchi e di Maestri che hanno compreso e incarnato lo spirito del Buddha storico. Lo Zen vive ora in Occidente, dove si espande fra un numero sempre crescente di cercatori di verità, quali che siano il loro credo o la loro cultura.

Questo libro è la trascrizione fedele dei kusen (insegnamenti orali) che un Maestro della Trasmissione contemporaneo ha dato durante più di un mese di ritiro in montagna, in Val d’Isère. È la prima volta che gli insegnamenti non vengono isolati dal contesto nel quale vengono dati, cioè durante la pratica di Zazen. Come avverte il curatore americano del volume, «Escludere il contesto dal testo, come è praticamente il caso della maggior parte delle opere zen esistenti, induce il lettore, profano o informato, a credere che ciò che conviene fare per ottenere la saggezza dello Zen è di riunirsi per ascoltare i discorsi di autentici maestri zen. I testi classici dei maestri, nella loro assenza di contesto, danno al lettore di oggi l’impressione di essere stati trascritti non a partire dall’insegnamento orale dispensato durante zazen, ma a partire da conferenze di tipo universitario, oppure da discorsi destinati a una élite di letterati alla ricerca della Via, o ancora, in bizzarri scambi verbali tra maestri».

Gli Yogin del Ladakh

Un pellegrinaggio tra gli eremiti dell’Himalaya buddhista
Autore/i: Crook John; Low J.
Editore: Ubaldini Editore
traduzione di Cristiana De Falco pp. 318, fotografie b/n f. t., Roma Prezzo: € 28,00

Questo libro esplora il buddhismo tibetano da un punto di vista insolito e piuttosto impegnativo: l’osservazione diretta, sul campo, delle sue manifestazioni e pratiche da parte degli eremiti dell’Himalaya. I due autori, etologo-antropologo il primo e tibetologo-psicoterapeuta il secondo, entrambi con una solida esperienza di meditazione buddhista, hanno visitato remoti monasteri e grotte per incontrare gli yogin e i lama del Ladakh, eredi di una tradizione di cui sono ormai gli unici portatori viventi. Seguaci della scuola Kargyupa, che conta tra i suoi santi figure eminenti quali Marpa e Milarepa, questi yogin, più che alla filosofia e all’etica buddhista sono dediti a uno stile di vita arduo e a pratiche meditative complesse, trasmesse in grande segretezza solo a chi si è consacrato al loro stesso sentiero. La disciplina interiore ha donato loro un senso di onestà, disponibilità, cordialità, abnegazione, accettazione dell’altro, una saggezza che non è mera conoscenza e che non si manifesta tanto nelle loro parole, quanto nel loro intero modo di essere e di agire. Il volume comprende la traduzione di un manoscritto inedito di Tipun Padma Chogyal, affidato a James Low perché fosse reso noto in Occidente: “Il quaderno di appunti sulla meditazione”, un testo che illustra i vari stadi di sviluppo della pratica della Mahamudra.