Buddhist Caves of Jāghūrī and Qarabāgh-e Ghazni, Afghanistan

Autore/i: Verardi Giovanni; Paparatti Elio
Editore: Isiao
with an Appendix by Minoru Inaba pp. 120, in appendice CXVI tavv. b/n f.t., ill. b/n, mappe allegate, Roma

THE CAVES – General Observations:

The Jāghūrī ano Qarabāgh groups of caves not only belong to one and the same geographical environment but also share common characteristics in terms of typologies and the techniques employed to excavate them. The features they have in common are discussed in a separate chapter for the reader’s convenience, and to avoid repetitions in the descriptive chapter.

As pointed out above, the walls of the rock formations into which the caves were hewn out have partly collapsed. Frost split the rock along the clefts, rain and snow opened fissures, and the combined action of earthquakes led lo further collapse of walls already weakened by the excavation work. Consequently, huge blocks of rock and piles of debris often encumber the entrance to the caves, as well as the inner rooms and corridors, which are often inaccessible.

The cave fronlt as we see it now does not in general correspond to the original front of the rock-cut monasteries; today the mountain walls look as if cross-sectioned by falls of rock. Where the original front is preserved, the openings are generally warped by either the action or the natural elements or re-working activity carried out by later dwellers when the monastic period had come to an end. These have probably always been the poorest among the local people, unable even to afford houses in unfired brick, living in the caves with their cattle over the centuries. At Nāy Qal’a, however, we have an example of a cave preserving the original façade and at Tapa Zaytūn the outline of a large niche is intact…

Visualizza indice

Foreword (by Giovanni Verardi)

Transliterations and Transcriptions

Maps

1. THE GEOGRAPHICAL SETTING

2. THE CAVES

General Observations

The Caves to the East of Mount Dehbaday

1. Nāy Qal’a

2. Homāy Qal’a

The Caves of the Upper Arghandāb Valley

The Caves along the Tayna Tangī/Daryā-ye Gawargīn

3. Tapa Sanawbar

4. Shāh Khwāja

5. Ghār-e Shākī Nōka

6. Gawargīn

7. Kōh-e Ēl

8. Ghār-e Shāh

The Caves along the Qōl-e Karīz in the Nāwaye Khodāydād

9. Sangdara

10. Tapa Hesār and Bālā Khāna

11. Bayak and Lālā Khēl

The Caves along the Daryā-ye Alwadā and beyond

12. Qaryā-ye Bābā Kamāl

13. Tapa Zaytūn

Excursus: Cave 2 al Haybāk

14. Shotor Ghār and Tōp-e Āhangarān

3. THE HISTORICAL SETTING

To the West of Ghaznī: The Archaeological Data

Caojuzha/Zābulistān and Jāghūrī

Fulishisatangna/Wujīristān

The Buddhist Kingdom of Zābul

Buddhist and tīrthikas

4. TENTATIVE CHRONOLOGY

APPENDIX: Nāy Qal’a, Wujīristān and the Khalaj (by Minoru Inaba)

References

Index

Plates

Repertorio Terminologico per la Schedatura delle Sculture dell’Arte Gandharica

Sulla base dei materiali provenienti dagli scavi della missione archeologica italiana dell’IsIAO nello Swat, Pakistan
Autore/i: Faccenna Domenico; Filigenzi Anna
Editore: Isiao
pp. 280, ill. b/n, Roma

Dall’Introduzione:

L’analisi e la descrizione di un oggetto necessitano di un linguaggio e di una terminologia quanto più possibile univoci e costanti, onde evitare al massimo una disturbante varietà espressiva, purtroppo frequente. La coerenza terminologica del linguaggio inoltre diventa necessaria qualora si faccia uso di tecniche di schedatura informatizzata. Questo è precisamente il nostro caso.

Pertanto nella schedatura e nello studio del materiale scultoreo di arte gandharica, proveniente dagli scavi della Missione Archeologica Italiana dell’lslAO (già IsMEO) in Pakistan, si è ritenuto opportuno elaborare un Repertorio Terminologico, organizzato per argomento. Il materiale comprende rilievi figurali, statue, elementi architettonici, decorati o semplicemente modanati, quali parti di monumenti.

Il Repertorio, pur riferentesi nella sua fase iniziale soprattutto a tale materiale, si è successivamente ampliato, comprendendo l’insieme di questa produzione artistica manifestatasi nella regione del Gandhara e quindi talvolta esteso nei sensi geografico (Afghanistan) e temporale (post-Gandhara). Esso, iniziato da tempo, ha subito poi inevitabilmente un graduale processo di elaborazione, del quale si riscontrano evidenti tracce nella scelta bibliografica del materiale e nella sua rappresentazione grafica.

Esso non è un dizionario poiché una tale opera si pone per sua natura quale prodotto conclusivo di una ricerca; non è un manuale pur fornendo dati e parametri utili; non ha ovviamente illusorie pretese di completezza. Esso si pone soltanto come primo strumento di lavoro, nel corso del quale potrà acquistare una definizione più articolata e forse giungere ad una sufficiente ampiezza.

I termini scelti oscillano tra una loro natura ora prettamente tecnica ora più generica e corrente: ciò sta appunto a sottolineare la convenzionalità della loro assunzione e come in tali limiti debbano essere considerati. La loro scelta è dettata da un principio di utilità del tutto pratica per giungere all’adozione e all’impiego di un comune linguaggio.

Ripetizioni, errori e imprecisioni nei lemmi, mancanze, discontinuità nella disposizione delle immagini, possono nel tempo essere ovviate. Il lavoro è “aperto”: né può essere altrimenti per un materiale, come il nostro, che sempre più si arricchisce nel numero e nelle particolarità espressive.

Ci si è fermati alla descrizione dell’oggetto nella sua forma rappresentativa. Procedere oltre, nel contenuto, nella sua esegesi, avrebbe significato entrare in altra dimensione di lavoro, che non appartiene alle finalità del presente assunto…

Con la collaborazione di Pia Brancaccio, Pierfrancesco Callieri, Domenico Giubilei, Ciro Lo Muzio, Francesco Martore, Patrizio Pensabene, Peter Rockwell, Piero Spagnesi, Elisabetta Valento.

The Aron Collection – I. Islamic Magic-Therapeutic Bowls

Autore/i: Giunta Roberta
Editore: Ipocan
pp. 348, ill. a colori e b/n, cm. 21×29,30, Roma

Introduction

The Aron Collection is an important English private collection of Islamic metalwork, known in part through a monograph study conducted a number of years ago by James W. Allan, dealing with a then total of 44 objects. The collection has continued to grow and now includes a remarkable compilation of Islamic magic bowls, almost all in good condition. These represent a precious source for expanding knowledge on this entire class of vessels, whose production continued up to quite recent times. The generic term ’magic’ has historically been applied to a particular type of bowl, in brass or copper alloy, of various forms and manufactures, independently of their potential functions within the specific cultural-historic contexts. Their commonality lies in the massive presence of inscriptions in Arabic, more rarely in Persian, and of pseudo-texts executed in unintelligible alphabets, of numerie, alphabetic and alphanumeric sequences, of magic squares and grids, symbols, as well as a rich repertoire of images. Texts, symbols and iconographies are incised on the exterior and interior, in a manner that often carpets the surfaces, enclosed in frames, cartouches and medallions, and assembled in geometrie and geometric-vegetai compositions.

In 2010, the collection owner requested Michele Bernardini and the current author to prepare a catalogue of the entirety of the magie bowls, a work which is now nearing publication. However the two authors also decided to prepare monograph studies of two specific categories of the bowls: the former scholar basing his research on the 21 Aron specimens of Iranian production, and the latter on the 14 items produced in the near eastem area. In this way it would be possible to provide the necessary in-depth examination of the morphological, decorative and functional traits associated with these two broad categories.

The 14 bowls presented in this volume are the ones of hemispheric form, generally of very small dimensions, composing a category identified as ’magic-therapeutic’, given the consistent presence of an Arabic text that provides precise information concerning the curative functions of the object, its powers and beneficial properties, and sometimes its means of use. The decorative architecture of these bowls is peculiar, and indicative of future fortune, being inspired by the structure of the cosmos. In fact the design is almost always construeted on the basis of a number of concentric circles and medallions, incised on one or both of the inner and outer surfaces. The arrangement of the medallions, whether with or without figurative representations, quite plainly suggests the positions of the sun, planets and zodiac constellations. The pseudo-inscriptions and alphanumeric sequences, evidently empowered with strong magical and apotropaic virtues, are almost always more numerous than the inscriptions of comprehensible meaning, and are visually emphasized by the incision of rigidly inscribed underlining….

Visualizza indice

CONTENTS

Contents

Foreword

Acknowledgements

Table of transliteration

Introduction

I – CATALOGUE

Introduction to catalogue records

no. 1

no. 2

Commentary (cat. nos. l, 2)

no. 3

Commentary (cat. no. 3)

no. 4

no. 5

Commentary (cat. nos. 4, 5)

no.6

Commentary (cat. no. 6)

no. 7

no. 8

no. 9

no. 10

Commentary (cat. nos. 7-10)

no. 11

no. 12

Commentary (cat. nos. 11, 12)

no. 13

no. 14

Commentary (cat. nos. 13, 14)

Index of the fourteen Aron Collection bowls

II – A DOCUMENTED CORPUS OF ISLAMIC MAGIC-THERAPEUTIC BOWLS

Islamic magic-therapeutic bowls: from early accounts to contemporary studil Survey of 114 Islamic magie therapeutie bowls

Typological classification

Transcriptions of magic-therapeutic formulas

III – ANALYSIS OF TEXTS AND TYPES

The magic-therapeutic formulas: structure and contents

Description of types: patterns and therapeutic formulas

IV -CONCLUSIONS

V – BIBLIOGRAPHICAL REFERENCES

ANNEXES

I – Table of concordance for numbering of Aron Collection bowls

II – Koranic verses on the 14 bowls of the Aron Collection

III – List of bowls including historic information in their formula

INDICES

I – List of ailments and complaints

II – General Index

Il Giardino Giapponese

Autore/i: Walker Sophie
Editore: L’Ippocampo
Saggi di Lee Ufan, Tan Twan Eng, Tatsuo Miyajima, Marcus du Sautoy, John Pawson, Anish Kapoor, Tadao Andō.
Traduzione dell’edizione italiana di Alessandra Gallo, Irene Inserra, Barbara Venturi pp. 304, nn. ill. a colori, Milano

Il giardino giapponese tratta per la prima volta in maniera esaustiva questo affascinante universo, i suoi principi e la sua filosofia, ripercorrendo mille anni di storia. Nei suoi saggi tematici Sophie Walker – creatrice di giardini – offre al lettore nuove, penetranti intuizioni. I testi sono accompagnati dalle splendide immagini di oltre novanta giardini: dagli antichi santuari shintoisti ai giardini imperiali, fino ai più recenti progetti zen. Scritti inediti di personalità del mondo dell’arte, dell’architettura e del design come Tadao Andö, Anish Kapoor, Tan Twan Eng, John Pawson, Marcus du Sautoy e Lee Ufan interpretano in maniera personale questa forma di bellezza senza tempo che da secoli influenza l’architettura del paesaggio sia in Giappone che nel resto del mondo.

Arte ed Estetica nell’Islam

Autore/i: Allamah Muhammad Taqi Jafari
Editore: Irfan Edizioni
prefazione di Maria Rosaria D’Acierno, traduzione di Kazem Zakeri (Zaccaria). pp. 148, San Demetrio Corone (CS)

In quest’opera l’Autore affronta, dal punto di vista filosofico islamico, i temi più importanti dell’arte e dell’estetica, tra cui: il significato e i differenti tipi di bellezza, la distinzione tra arte conformista e arte d’avanguardia, il ruolo dell’artista nella società, il talento e la creatività, il rapporto tra la bellezza con l’etica e la verità rivelata. Un intero capitolo, infine, è dedicato al tema della bellezza artistica e naturale, nelle fonti tradizionali dell’Islam, ossia il Corano e le tradizioni del Profeta e degli Imam.

Allamah Muhammad Taqi Jafari  (1923-1998), nato a Tabriz (Iran), è stato un autorevole filosofo e teologo musulmano di scuola sciita. Scrisse molte opere nelle quali affrontò diverse tematiche in ambito antropologico, sociologico, mistico e filosofo, tra le quali ricordiamo un imponente commentario in 15 volumi al capolavoro del misticismo universale del poeta Rumi, il Mathnawi, e la sua incom-piuta traduzione commentata in persiano del Nahj al-Balaghah, che raccoglie i detti, i sermoni e le lettere (in lingua araba) attribuite ad Ali ibn Abu Talib, quarto califfo e primo Imam sciita.

Visualizza indice

Presentazione

Profilo biografico di Allamah Jafari

1. Uno sguardo alla filosofia dell’arte secondo l’Islam

2. L’arte dal punto di vista filosofico

3. Arte conformista e arte d’avanguardia

4. Arte e innovazione

5. L’artista e la creativita’

6. Unita’ e molteplicita’ nell’arte

7. La bellezza e la sua relazione con la verita’ e l’etica

8. La bellezza dal punto di vista filosofico

9. La bellezza secondo le fonti islamiche

La Tradizione Estetica Giapponese

Sulla natura della bellezza
Autore/i: Ricca Laura
Editore: Carocci
premessa dell’autrice. pp. 192, nn. ill. b/n, Roma

L’indagine del volume si incentra sull’esame di alcune idee estetiche del Giappone tradizionale che non sono state oggetto di analisi teoretiche sistematiche, ma hanno trovato espressione in concrete pratiche di vita e attività artistiche concepite come vere e proprie “vie” di perfezionamento spirituale. Il saggio si compone di due parti. Nella prima si pongono le premesse per indagare le idee-patrimonio dell’arte e della cultura estetica nipponica; la messa a fuoco di alcuni principi cardine che affondano le loro radici nella sensibilità “classica” giapponese contribuisce a illuminare taluni tratti della visione del mondo estremo-orientale. Nella seconda parte si analizzano alcune significative idee estetiche, la cui peculiarità è di non essere mai state organizzate in un sistema organico, forse perché troppo ovvie o troppo “vissute”. Proprio nello spirito di tale dimensione esistenziale la struttura del libro segue un percorso non lineare, dettato essenzialmente da libere associazioni, ispirandosi al genere classico zuihitsu – letteralmente “seguire il pennello”, ovvero pensieri in libertà, non necessariamente legati da nesso logico. Lungo questo percorso si sviluppano poi ulteriori diramazioni innescate da quei punti di congiunzione con il pensiero filosofico ed estetico occidentale che si offrono all’intuizione nella prospettiva di un’ermeneutica comparata.

Laura Ricca yamatologa di formazione, è attualmente assegnista di ricerca (2011-16) in Estetica all’Università di Bologna (Dipartimento di Scienze dell’Educazione, Scuola di Psicologia e Formazione). Tra il 2003 e il 2009 è stata Lettrice di Italiano e in seguito Research Fellow presso l’Università del Tohoku di Sendai in Giappone. Le sue ricerche hanno come oggetto le idee dell’arte e della cultura estetica giapponese in una prospettiva comparata.

Visualizza indice

Premessa
Parte prima
Percorsi
1. L’armonia (wa) come filosofia di vita
2. Il soffio vitale (qi)
3. L’assenza di sistematicita: lo zuihitsu
4. La relazione uomo-natura
5. La via del te

Parte seconda
Idee dell’arte e della cultura estetica giapponese
6. Furyu e iki
7. Aware
8. Wabi, sabi e mingei
9. Shibui e yugen
10. I volti del vuoto
Bibliografia essenziale

The Manual of Calligraphy by Sun Guoting of the Tang

Autore/i: De Laurentis Pietro
Editore: Università degli Studi di Napoli L’Orientale
pp. XXIII-126, XIII tavv. b/n f.t., Napoli

Tabel of Contents

ACKNOWLEDGMENTS

INTRODUCTION

The man

The manuscript – The text

The calligraphy of Sun Guoting

The importance of the Manual of Calligraphy in Chinese calligraphy

CHAPTER 1. BIOGRAPHY OF SUN GUOTING

1.1 Outline of Sun Guoting’s biographical sources

1.2 The question of the years of birth and death

1.3 Personal and courtesy names

1.4 Birthplace

1.5 Maturity and official post

1.6 Death

1.7 Sun Guoting’s relationship with the society ofhis time

1.8 Conclusion

1.9 Appendix: Translation of Sun Guoting’s biographical sources 1.9.1 The Epitaph 1.9.2 The Elegy 1.9.3 Biography of Sun Guoting in the Judgements on Calligraphy 1.9.4 Biography of Sun Guoting in the Rhapsody Discussing Calligraphy 1.9.5 Biography of Sun Guoting in the Xuanhe Catalogue of Calligraphies

CHAPTER 2. TRANSCRIPTION AND TRANSLATION OF THE MANUAL OF CALLIGRAPHY

2. 1 The decipherment of the cursive script

2.2 Transcription of the manuscript

2.3 Translation of the Manual of Calligraphy

CHAPTER 3. SUN GUOTING AND HIS WORK

3.1 Analysis of the title “Shu pu”

3.1.1 On the character “pu”

3.1.2 The “yunbi lun”

3.2 The content of the Manual of Calligraphy

3.2.1 The description of calligraphic technique in the Manual of Calligraphy

3.2.2 The Manual of Calligraphy and the pre-Tang texts on calligraphy

3.2.3 The information about the Manual of Calligraphy contained in the manuscript

3.3 Sun Guoting’s aspirations

3.4 The integrity of the scroll

3.4.1 On the date of completion of the scroll

3.4.2 The transmission of the Manual of Calligraphy between the seventh and the eleventh centuries

3.4.3 On the last ten columns of the scroll (360-369)

3.4.4 On the “knot-strokes” (seppitsu)

3.5 Conclusion

BIBLIOGRAPHY GENERAL INDEX PLATES

Il Vuoto, le Forme, l’Altro

Tra Oriente e Occidente
Autore/i: Ghilardi Marcello
Editore: Morcelliana
introduzione dell’autore. pp. 544, Brescia

Se da sempre provoca il pensiero filosofico, la questione dell’”altro” assume nuovo interesse di fronte alla pluralità che caratterizza l’epoca odierna. Confrontandosi con autori e testi non solo della tradizione europea ma anche di quella orientale, in particolare cinese e giapponese, l’autore esamina l’alterità nell’ambito del linguaggio, della pratica artistica e dell’etica, giungendo a una inedita nozione di “vuoto”, non come nome dell’indicibile, ma come apertura nei confronti delle molteplici forme del mondo.

Buddhist Iconography

Autore/i: AA. VV.
Editore: Tibet House
pp. XIV-250, 73 figure b/n in appendice, New Delhi (India) Prezzo: € 19,50

The twenty-nine essays in this volume were first presented at the International Seminar on Buddhist Iconography organized by Tibet House in 1984. Exploring images from Thailand to Nepal to Orissa, these scholarly essays provide a glimpse of the issues and various approaches in this complex area of study.

L’Ideogramma Cinese come Mezzo di Poesia

Autore/i: Fenollosa Ernest
Editore: Luni
prefazione e curatela Matteo Luteriani, traduzione di Silvia Galimberti. pp. 64, Milano Prezzo: € 12,00

Il tratto, il carattere, la forza nel tratteggiare l’ideo-gramma, lo spazio tra una linea e l’altra: ogni cosa è verbo, ogni cosa è respiro. Tutta la poesia cinese è una poesia che respira; questi segni ci insegnano a osservare: quello che vediamo non è ciò che è.
L’ideogramma è esso stesso poesia: il «mezzo», il veicolo attraverso il quale la poesia si esprime, grazie al quale il pensiero ancora non si è materializzato, è ancora idea: anche se messo nero su bianco ci racconta la sua storia, il suo percorso, non è ancora diventato «significato», è posto a metà tra l’idea racchiusa nell’attimo della creazione artistica e l’atto materiale di divenire espressione. È questo il punto fondamentale da comprendere. L’ideogramma non è un «significato», ancorché si possa attribuire a una parola un significato univoco decontestualizzandola dal “momento”: è un divenire del pensiero. Se a ciò uniamo il respiro del movimento che ha portato il pennello a tracciare con più o meno forza, più o meno colore, il segno sul foglio, ci rendiamo ben conto che ancora prima di essere letta e compresa la calligrafia cinese esprime la sua «poiein», il suo atto creativo.
L’ideogramma cinese può essere inteso come una «nebbia» che sta a metà tra il pensiero che la elabora nella mente del poeta, e l’atto fisico di materializzazione sulla carta tramite il pennello e l’inchiostro. È un qualche cosa di ineffabile, imprendibile, incomprensibile, e pertanto unico e non spaziale, fuori del tempo. Si pone a metà tra due universi: l’universo della pura creatività, dell’invenzione poetica, e l’universo del creato; un anelito tra i due mondi, una profonda visione, un abisso di interpretazioni.
Ernest Fenollosa entra nel cuore del significato antico del «verbo» e ci presenta per la prima volta una visione straordinariamente nuova per poter interpretare due «poesie» così distanti tra loro, quella occidentale e quella cinese antica.

Ernest Fenollosa (1853 – 1908) è stato uno storico americano di arte giapponese, professore di filosofia ed economia politica all’Università Imperiale di Tokyo. Laureatosi in filosofia e sociologia a Harvard, nel 1878 si recò in Giappone per insegnare presso l’Università Imperiale di Tokyo. Convertitosi al buddhismo, si dedicò al primo inventario dei tesori nazionali del Giappone scoprendo antiche pergamene e salvando molti manufatti buddhisti antichi. Per questi suoi risultati l’Imperatore lo decorò con l’Ordine del Sol Levante e l’Ordine dei Sacri Tesori. Ebbe un ruolo importante di educatore durante la restaurazione del Giappone, e fu un entusiasta orientalista della cultura giapponese e cinese e dell’arte di questi due popoli, che collezionò e contribuì a far conoscere in Occidente.

Viaggio nel Mito Kathakali

Autore/i: Dall’Agnol Angela
Editore: Editoria & Spettacolo
introduzione dell’autrice, fotografie di Dennis Cecchin. pp. 164, nn. ill. a colori e b/n, Spoleto (PG) Prezzo: € 15,00

Un viaggio in India lascia sempre un segno profondo e indelebile. L’autrice di questo libro, nel suo viaggio nella regione del Kerala ha incontrato il Kathakali, che da allora è diventato l’oggetto e insieme lo strumento della sua ricerca di conoscenza. E di un viaggio tratta questo libro, di un percorso che ci propone accostati senza soluzione di continuità, in totale rispondenza con il senso della spiritualità indiana, gli aspetti più pratici, concreti, quotidiani del Kathakali, accanto a quelli più sacri, spirituali, religiosi. Assistiamo così attraverso lo sguardo dell’autrice/narratrice a uno spettacolo di Kathakali per turisti, e poi invece a uno sacro. Entriamo nella camera verde, la stanza del trucco degli attori, impariamo a conoscere gli elementi di base per la comprensione di un’arte complessa e articolata: il trucco, i costumi, le corone che caratterizzano i personaggi, i mudra, i rasa. Sbirciamo nelle storie e nelle epopee narrate negli spettacoli. E infine incontriamo Gopi Kalanilayam, maestro della scuola di Kathakali di Irinjalakuda (Kerala) nell’intervista conclusiva. Un saggio che propone uno sguardo diverso sul Kathakali, con un occhio attento all’aspetto sacro e un racconto appassionato del quotidiano.

Cina 19

Autore/i: AA. VV.
Editore: Ist. Italiano per il Medio ed Estremo Oriente
pp. 312, tavv. b/n in appendice, Roma Prezzo: € 25,00

Indice

GIOVANNI VITIELLO: Pan Gu: per lo studio del tema mitico dell’uovo cosmico e dell’uomo cosmico nell’area sino-tibetana

STEFANIA STAFUTTI: Portogallo e Portoghesi nelle fonti cinesi del XVI e del XVII secolo

VALDO FERRETTI: Riesaminando la politica sovietica durante l’incidente di Sian

FABRIZIO PREGADIO: Contributo allo studio della lingua dell’epoca Han. Il capitolo Dao Xu del Lun Heng

WANG YUNG-HSING: Gli studi cinesi su Tun-huang: una bibliografia (1909-1981)

MAURIZIO SCARPARI: Note in margine ad alcune problematiche affrontate nel volume Studi di cinese classico

GIORGIO CASACCHIA: Gli studi grammaticali di cinese moderno nella Repubblica popolare cinese: gli esordi 1949-1952

ELVIRA DELL’ORO e MARCO MARIANI: Bibliografia analitica degli articoli sulla grammatica del cinese moderno comparsi sulle riviste «Zhongguo Yuwen» e «Yuyan Jiaxue yu Yanjiu» (1978-1983)

ANNAMARIA MERLINO PALERMO: Per una lettura estetica di Lun Xun. Note in margine al saggio «Zenme xie» (Come scrivere)

MARIA RITA MASCI: Procedimenti narrativi autoctoni ed influenze occidentali nella prima produzione letteraria di Ling Shuhua

G. AURORA TESTA: Sulle datazioni al C₁₄ di reperti cinesi dal periodo neolitico agli Shang

LUCIA CATERINA: Porcellana cinese wucai nel Museo «Duca di Martina» di Napoli

Java

Brahamanische, buddhistische und eigenlebige architektur und plastik auf Java
Autore/i: With Karl
Editore: Folkwang Verlag
pp. 168 + 160 tavv. b/n f. t., Hagen I. W. (Germania) Prezzo: € 80,00

Die Werke des altindischen Geistes sind so sehr Ausdruck eines in sich immer gleich gerichteten und einheitlichen Lebensbewuβtseins, daβ die Unterschiede von Zeiten und Disziplinen gegenuber der monumentalen Eindringlichkeit dieser inneren Einheit fast in den Hintergrund treten. Die Gedanken der Vedas, Upanishads, der Brahmanas und Puranas wie der buddhistischen Werke gruppieren sich letzten Endes alle um einen Mittelpunkt. Ein Relief von Sàntsmì in Nordindien aus vorchristlicher Zeit und ein Relief vom Prambanan in Java aus dem 9. nachchristlichen Jahrhundert sind einander ihrer Verwandtschaft: nach naher als in ihren Abwandlungen verschieden. Und das Seltsamste mag sein, dass irgendeine Stelle aus den Upanishads uns uberwaltigen kann durch die innere Obereinkunft mit einem Tempelbau wie dem Boro Budur.

Vita di Corte nel Rajasthan

Miniature indiane dal XVII al XIX secolo
Autore/i: AA. VV.
Editore: Mario Luca Giusti
a cura di Rosa Maria Cimino pp. XLVI-124, nn. ill. b/n, tavv. a colori, Firenze Prezzo: € 30,00

Dal Giappone al Tibet e successivamente all’India: l’odierna tappa dell’appassionante viaggio tra gli splendidi tesori dell’Arte Orientale ci porta nelle terre del Rajasthan. Ancora una volta lo scenario si apre su un mondo pieno di fascino, ritratto in miniature che propongono – a volte con giochi pittorici di incantevoli, smaglianti iridescenze madreperlacee – alcuni momenti della vita di corte Rajput. Le immagini qui presentate possono essere, a volta a volta, lo specchio fedele di una realtà o la rappresentazione idealizzata della regalità del potere, il ricordo di fasti inconsueti o la rievocazione nostalgica e quasi patetica di un mondo scomparso. Ma non c’è dubbio che nella figurazione solenne dei sovrani, così come in quella più modesta dei loro collaboratori e cortigiani, e nella rappresentazione di scene di colore e di costume e di festeggiamenti nei giardini del palazzo regio, esse paiono sempre evocare sottilmente il ricordo letterario di certi dettami kautiliani o arieggiare la calda sensualità profana della Sattasai e gli appassionati slanci del Gitagovinda.

L’aver potuto riunire un numero così cospicuo di tali minitaure in una rassegna (Torino, 22 marzo – 22 maggio 1985; Palazzo Reale) che si caratterizza per la sua organicità tematica e si segnala per la sua rara bellezza è dunque ragione di giusto orgoglio per il Cesmeo, che può continuare ad assolvere uno dei suoi fini istituzionali più importanti e significativi, quello di promuovere una sempre maggiore conoscenza dell’Oriente e di contribuire a sviluppare i rapporti culturali tra il nostro e i paesi asiatici.

Visualizza indice

Presentazione

Note dell’Autore

Storia, epopea, leggenda

Vita di Corte nel Rajasthan

Pittura di corte del periodo tardo del Rajasthan

L’architettura reale Rajput

Tavole a colori

Catalogo

Iscrizioni delle miniature in trascrizione

Glossario

Bibliografia

On The Miniatures in Istanbul Libraries

Autore/i: Velidi Togan Zeki
Editore: Baha Matbaasi
pp. 68, Istanbul (Turchia) Prezzo: € 20,00

Pictures and miniatures which may be considered representative of Turkish art are found in abundance in the illuminated manuscripts and picture albums in the Topkapi Saray Museum, in the Museum of Turkish and Islamic Art, in the Yildiz Collection of the University Library and in other libraries.

Most of these albums belong to the medieval phase of Eastern Turkish culture, and to Ilhani, Qaraqoyunlu and Aqqoyunlu, Safevi and Osmanli periods which are a continuation of it in the West. Turkish, Chinese, Uygur as well as Persian artists have worked on these albums. For this reason, the tendency shown by some writers to consider as Turkish only the works of art belonging to the Osmanli period, and to ascribe Eastern Turkish works of art to Persia would be a serious mistake. Only by careful study can Turkish and Persian motifs be distinguished and the Turkish ones restored to their rightful place in our cultural history.

Our only guide in deciding on the origin of a miniature is the scientific method. The language in which the text of the volume is written or what historical event is told in the pictures are not adequate proofs for the nationality of the artists and their artistic works. What is important is the fact that the painter has created the pictures under the influence of contemporary life and as events of a society he is familiar with. For instance, when examining a copy of the “Iskendername” by Nizami or the “Behramname” we must find out, if possible, when and to which monarch it was dedicated, or for whose library it was prepared. In such works contemporary princes are often depicted as Alexander or Behram…